Aston Martin, 300 milioni per provare ad essere competitivi.

Aston Martin, 300 milioni per provare ad essere competitivi.

14 Ottobre 2021 0 Di Riccardo Frattarelli

Il proprietario dell’Aston Martin, Lawrence Stroll ha annunciato di aver stanziato circa 300 milioni di euro per espandere lo stabilimento F1 della casa automobilistica locata a Silverstone.

Il progetto del nuovo stabilimento Aston Martin a Silverstone

Dopo le poco entusiasmanti prestazioni, fino ad oggi, del 2021, l’Aston Martin ha grandi speranze per il 2022. A partire dalle conferme di Stroll e Vettel, il brand britannico vuole affrontare con il piede giusto il radicale cambio di regolamento in vigore dall’anno prossimo.

L’imprenditore canadese Stroll ha annunciato un’emissione obbligazionaria dal valore totale di 295 milioni di euro. L’investimento è volto all’espansione della fabbrica dedicata alla F1. L’obiettivo di Aston Martin è di costruire con questi fondi due nuovi edifici a Silverstone, che comprendano anche una nuova galleria del vento e un simulatore.

Sono molto felice di annunciare che avremo ulteriori investimenti per lo sviluppo e la costruzione del nostro nuovo campus di Formula 1. Siamo lieti di offrire ai nostri sponsor e fan, l’opportunità di far parte di Aston Martin e di partecipare alle nostre ambizioni” ha dichiarato Stroll.

Le obbligazioni emesse da Aston Martin sono infatti acquistabili anche da sponsor e tifosi del team. Infatti, il progetto che Lawrence ha dichiarato entusiasmante, mira anche ad aumentare gli investimenti esterni nel marchio britannico.

I lavori di ampliamento sono già iniziati. Termine previsto per la conclusione dell’opera è il 2023. In questo modo la casa brittanica potrà sviluppare di anno in anno, con strutture all’avanguardia, la monoposto omologata per il nuovo regolamento

Lo stesso Stroll, che acquistò il team Force India nel 2018, ha dichiarato all’inizio di quest’anno che sarebbero stati necessari altri 5 anni per tornare ad essere realmente competitivi. L’obiettivo annunciato di Aston Martin è infatti quello di lottare per il mondiale, non necessariamente vincerlo, ma essere presenti e combattere ogni anno per cercare di portare a casa il bottino grosso.

Lawrence Stroll
+ posts