Nel 2022 i pit stop potrebbero essere ancora più lenti

Nel 2022 i pit stop potrebbero essere ancora più lenti

18 Ottobre 2021 1 Di Ivan Mancini

In vista della prossima stagione, i team temono di doversi abituare a soste più lente. La motivazione risiederebbe nei nuovi pneumatici da 18′, più grandi e meno manovrabili.
 

Con buone probabilità, la stagione corrente sarà l’ultima caratterizzata da pit stop veloci. In un futuro prossimo, una sosta di 2.1s (come quella di Verstappen in Turchia) potrà essere considerata una vera e propria impresa, in quanto la durata media delle soste si alzerà a 3s. Ciò è attribuibile alla nuova direttiva tecnica entrata in vigore dopo il GP del Belgio che impone ai meccanici di azionare manualmente un pulsante posto sulla pistola pneumatica. A partire da questa data, qualsiasi sosta sotto i 2s sarà materialmente impossibile.

27.02.2010 Barcelona, Spain, Pitlane atmosphere, pitstop guns – Formula 1 Testing, Barcelona – http://www.xpb.cc, EMail: info@xpb.cc – copy of publication required for printed pictures. Every used picture is fee-liable © Copyright: Charniaux / xpb.cc

 

Le nuove ruote da 18′ sono più pesanti

Verstappen e Hamilton a Monza, Ricciardo e Stroll a Sochi, Sainz a Istanbul sono solo alcuni esempi di come questa nuova norma stia causando non poche difficoltà alle pit crew. Tuttavia, le scuderie temono che l’anno prossimo la durata delle soste sia destinata ad aumentare sensibilmente: alcune stime parlano di un aumento di pochi decimi, altri parlano addirittura di un secondo. Questa volta la colpa è imputabile alle nuove ruote da 18′ che verranno introdotte a partire dalla prossima stagione. Queste ruote, rispetto alle attuali da 13′, risultano essere più pesanti (2.5kg per le ruote anteriori, 3.5kg per le ruote posteriori); ciò non dipenderàdagli pneumatici (che peseranno soltanto 100g in più rispetto gli attuali, essendo a spalla ribassata) ma ai nuovi cerchioni. In sostanza, ruote più grandi e più pesanti, quindi meno maneggevoli delle precedenti.

 

Anche i ventolini incidono negativamente

Ma le novità non sono ancora finite. I nuovi pneumatici, come da regolamento, monteranno un “ventolino“, il cui scopo è quello di carenare le ruote. Oltre ad attribuire un aspetto futuristico alla vettura, il ventolino in questione evita che i team possano adottare soluzioni aerodinamiche irregolari, ad esempio andando a sigillare il sottoscocca così come avveniva in passato con le minigonne, tra il 1978 e il 1982. Funzione estetica, ma anche aerodinamica, che tuttavia incide pesantemente sui tempi dei pit stop. La copertura, infatti, impedisce di impugnare saldamente la ruota, ostacolando i meccanici nella rimozione dello pneumatico.

Protoripo di ventolino

 

Il parere delle scuderie

Le soluzioni che entreranno in vigore la prossima stagione hanno già allarmato le scuderie. Alan Permane, direttore sportivo dell’Alpine, parla di un aumento del tasso di errore a causa delle maggiori difficoltà che incontreranno i meccanici. In Mercedes, invece, temono che la carenatura delle ruote possa comportare un aumento della temperatura interna e, dunque, un’usura anomala delle gomme.

+ posts