Verstappen e la staccata in partenza: spunta un curioso retroscena

Verstappen e la staccata in partenza: spunta un curioso retroscena

8 Novembre 2021 0 Di Daniele Donzelli

Negli 811 metri che portano dai semafori a Curva 1 Max Verstappen ha compiuto una mossa da campione. Una super staccata all’esterno gli ha permesso di guadagnare la leadership della gara, saldamente mantenuta fino alla bandiera a scacchi.

Ciò che è accaduto nelle qualifiche di sabato non se lo aspettava nessuno. La Mercedes, quasi d’incanto, ha piazzato una clamorosa doppietta in cui probabilmente neanche loro credevano. La Red Bull non è andata oltre il terzo e il quarto posto, con i giri di Perez e Verstappen parzialmente condizionati dall’episodio riguardante un incolpevole Tsunoda. Subito dopo la Q3, l’olandese fa notare nelle interviste come il terzo posto sia addirittura meglio del secondo, perché permette di sfruttare la scia del poleman, segno che crede fortemente nella vittoria.

Nel corso della serata i discorsi tra la Mercedes e i suoi piloti sono stati sicuramente molti, e il piano della partenza è stato studiato a tavolino. L’obiettivo, in teoria, era quello di replicare la partenza della Ferrari nel 2019, quando le due rosse riuscirono tenere le prime due posizioni dopo curva 1.

GP Messico 2021: programma, circuito, orari Sky e TV8 - Formula 1 -  Motorsport

Il giorno dopo però allo spegnimento dei semafori, Bottas fa una manovra inspiegabile. Invece di sterzare a sinistra per chiudere Verstappen, decide di andare leggermente verso destra, spalancando il corridoio esterno a Max. A questo punto il pilota della Red Bull si butta nello spazio disponibile. In quella zona la pista è pulita, e grazie ad una grande staccata l’olandese si porta subito in testa alla gara. Gran colpo, e gran pasticcio di Bottas, aggravato da un contatto con Ricciardo.

F1-GP del Messico, Verstappen trionfa e allunga su Hamilton. - Positanonews
Il corridoio lasciato da Bottas

Il commento di Max

“Aveva già in mente la situazione che si sarebbe presentata in partenza” ha detto Christian Horner dopo la gara.

Ciò che ha fatto il finlandese non deve infatti distrarci dall’ottimo lavoro di Verstappen. Il leader del mondiale ha studiato anche lui a tavolino cosa fare, sapendo di avere una grande chance per guadagnare posizioni al via. La situazione che abbiamo vissuto era stata infatti prevista dalla Red Bull. Max aveva infatti provato una staccata più profonda a curva 1 nel giro di allineamento, per prendere le misure di ciò che avrebbe fatto in seguito.

“Non puoi mai sapere come andrà una partenza – ha infatti dichiarato Verstappen – se arrivi in frenata sul lato sinistro, al centro o a destra, dipende da cosa succede in quei momenti. Ma una volta che ho avuto la possibilità di affiancare Bottas sul lato sinistro sapevo esattamente dove avrei dovuto frenare“.

In seguito il vincitore della gara ha spiegato come la manovra sia stata allo stesso tempo rischiosa e fondamentale per l’esito della corsa:

“È stata una manovra rischiosa. Bisognava essere molto precisi perché la velocità con cui si arriva a quella staccata è molto alta, e nel primo giro sia le gomme che i freni sono freddi. La mia paura era che qualcuno tirasse la staccata sul lato destro, dove la pista è molto sporca ed il rischio di bloccaggio quasi certo, ma ho provato lo stesso. È andata bene, sono riuscito a sfilare e nessuno mi ha toccato. È stato un momento fondamentale, perché una volta in testa sono riuscito a fare il mio ritmo” ha concluso.

Chissà se, vedendo le difficoltà di Perez nel superare Hamilton a fine gara, Verstappen avrebbe vinto lo stesso senza questa staccata?

Il momento in cui Verstappen passa in testa

L’elogio di Marko

La manovra non è certo passata inosservata agli occhi di Helmut Marko, che ha definito a Servus TV la staccata di Max “senza precedenti”:

“La staccata di Max è stata senza precedentioggi è stato incredibile. Dopo oggi, la differenza è di un solo punto in classifica costruttori, ma la lotta di Max al titolo piloti è decisamente più importante – ha sottolineato.

Marko ha voluto anche ricordare come il mondiale non sia ancora finito, e come l’appuntamento in Brasile sarà fondamentale per l’esito finale:

“Mi sento rilassatoabbiamo incrementato il vantaggio in classifica, ma ora dobbiamo vincere in Brasile anche la prossima domenica. A quel punto, sarò ancor più tranquillo”.

Riuscirà Verstappen a mettere una seria ipoteca sul mondiale vincendo in Brasile?

Max vincitore
+ posts