Il nuovo motore della Red Bull non avrà la stessa potenza del 2021.

Il nuovo motore della Red Bull non avrà la stessa potenza del 2021.

7 Gennaio 2022 0 Di Davide Citterio

Secondo quanto riportato dai media tedeschi, il nuovo motore Honda 2022 non ha ancora raggiunto le prestazioni del precedente propulsore.

Per il 2022, la F1 passa al nuovo carburante E10, che vedrà un aumento del contenuto di etanolo del 10%, con il 90% di fonti combustibili fossili. Questo aumento sta causando un grande mal di testa ai produttori di motori, che stanno tentano di compensare il calo di potenza causato da questo nuovo carburante rispetto al vecchio combustibile E5.

Si stima che la potenza diminuirà di circa 20 cavalli, anche se, secondo quanto riferito, Ferrari e Alpine hanno già compensato la perdita di potenza con una trovata molto innovativa sfruttando una zona grigia del regolamento.

Tuttavia, secondo quanto riportato da Helmut Marko, la Honda non è ancora allo stesso livello di ottimizzazione e la nuova power unit deve ancora eguagliare quella precedente.

Honda sta lavorando duramente sull’adattamento“, ha detto Marko al media tedesco Auto Motor und Sport .

“Quello che sento è positivo, ma le prestazioni non sono ancora le stesse del 2021. Dovremo aspettare per vedere come apparirà in assetto da gara”.

Gli obiettivi del 2022

La Honda non abbandonerà la Red Bull, nonostante il ritiro, i giapponesi continueranno a costruire le power unit della scuderia austriaca fino al 2025, però i motori passeranno sotto l’etichetta Red Bull powertrains. Una volta che la casa motoristica del Sol Levante avrà trasmesso tutte le sue conoscenze agli ingegneri Red Bull le due parti si potranno separare.

F1: Red Bull Powertrains ingaggia ex Mercedes Hodgkinson - Sgommo.it

Sempre secondo Helmut Marko, l’obiettivo della Red Bull per il 2022 è: riprendersi entrambi i titoli mondiali, sia piloti che costruttori.

L’obiettivo dichiarato è il titolo mondiale“, ha detto Marko. “Con un così grande cambiamento di regole, non puoi mai essere sicuro.”

Inoltre, il consigliere della Red Bull pensa che, nonostante il cambio di regolamento, ci saranno ancora dei volti noti a guidare la griglia nel 2022.

Mercedes e noi abbiamo il potenziale, le persone e la continuità“, ha dichiarato.

“Questo significa ancora un’altra lotta ai massimi livelli, soprattutto perché non ci sono altri piloti come [Lewis] Hamilton e [Max] Verstappen”.

+ posts