Mazepin: “Sono qui per vincere”

Mazepin: “Sono qui per vincere”

13 Gennaio 2022 0 Di Giosuè Vitiello

Nikita Mazepin, attuale pilota della Haas, ha parlato delle sue ambizioni e del rapporto che c’è tra lui e il compagno Schumacher.

L’attuale pilota russo della Haas Nikita Mazepin è tornato a parlare in un’intervista delle sue ambizioni da pilota e del suo rapporto con il compagno di squadra Mick Schumacher. Il 2021 è stato per entrambi un anno di transizione in cui errori, incomprensioni e scarse prestazioni hanno prevalso su tutto il resto. In particolare Nikita dichiara di aver superato il “periodo difficile” della convivenza col tedesco e che adesso ci sia un rapporto neutro. Secondo il russo, poi, non c’è stato alcun ingigantimento delle frizioni tra i due da parte dei media. Successivamente è tornato a parlare delle sue ambizioni da pilota, dichiarando che è qui per vincere: ovviamente non è un obiettivo a breve termine ma è l’aspirazione massima di chiunque intraprenda la strada da pilota.

Nikita Mazepin, attuale pilota della Haas, ha parlato delle sue ambizioni e del rapporto che c'è tra lui e il compagno Schumacher.

Ecco di seguito le sue dichiarazioni: “Ogni volta che vado là fuori, voglio essere la macchina che finisce davanti, e l’ho sempre voluto. E non smetterò mai di volerlo finché non lascerò quel paddock e appenderò il mio pass al muro. Ora con il team c’è un rapporto molto neutro che non ha alti e bassi, ed è solo coerente. E questo è l’unico modo per ottenere buoni risultati in questo sport. Sono qui per vincere le gare. So che probabilmente non accadrà nel prossimo futuro, ma il modo per farlo accadere è quello di ottenere la migliore macchina possibile, e di impostarla nel modo più veloce possibile. E questo richiede due persone per farlo”, ha spiegato.

Nikita Mazepin, attuale pilota della Haas, ha parlato delle sue ambizioni e del rapporto che c'è tra lui e il compagno Schumacher.

“Sono sicuro che Mick ha esattamente gli stessi pensieri, ambizioni e obiettivi nella sua mentalità, quindi facciamo ciò che è necessario per la squadra. E in realtà penso che cerchiamo sempre con entrambi i lati del garage di andare un po’ oltre nel raggiungimento di quegli obiettivi. Naturalmente, devi abbassare leggermente il tuo approccio, essere più attento quando stai lottando con un compagno di squadra, perché in F1 è una sorta di critica se succede qualcosa tra le due auto della stessa squadra. Sto vivendo la mia vita al meglio e voglio assicurarmi di avere più trofei possibili in casa mia dalla F1 o da qualsiasi altra serie prima di andare a fare qualcos’altro. Quindi sì, sono un giocatore di squadra, ma se devo rinunciare, non lo farò mai”.

Website | + posts