Il retroscena: Andretti aveva puntano la Haas prima della Sauber.

Il retroscena: Andretti aveva puntano la Haas prima della Sauber.

22 Ottobre 2021 0 Di Nicola Cobucci

Gli Stati Uniti sono vicini ad avere due squadre sulla griglia di Formula 1, in quanto la famiglia Andretti è stata ‘costretta’ a negoziare l’acquisto dell’Alfa Romeo Sauber a seguito del rifiuto di cedere da parte di Haas, che vuole mantenere la sua presenza nella regina categoria oltre il 2022.

Michael Andretti, figlio del campione del mondo di Formula 1 Mario, gestisce le operazioni del famoso cognome americano nel suo team IndyCar. Gli Andretti sono presenti anche in IMSA, Formula E ed Extreme E. Ora vogliono essere presenti in Formula 1 già dal 2022.

Per fare ciò, hanno cercato – in un primo momento – di comprare la Haas. A seguito del rifiuto da parte di Gene, gli Andretti hanno mostrato il loro interesse per il Sauber – ora sponsorizzato da Alfa Romeo – dove c’è l’intenzione di portare il loro giovane pilota di punta IndyCar, l’americano Colton Herta.

Gli Stati Uniti sono vicini ad avere due squadre sulla griglia di Formula 1, in quanto la famiglia Andretti è stata 'costretta' a negoziare.

“Ho parlato con Michael un paio di volte”, ha rivelato il Team Principal della Haas Guenther Steiner. “Non credo che siano una minaccia come seconda squadra statunitense. Da parte nostra, non abbiamo problemi.”

Nonostante ciò, il manager della Haas ha criticato le aziende americane per la mancanza di supporto al team di Gene Haas, e per questo sono ricorsi alla sponsorizzazione russa della Uralkali, azienda di proprietà del padre di Nikita Mazepin.

“Non abbiamo sfruttato a sufficienza il mercato statunitense in termini di sponsorizzazioni. Avremmo dovuto fare di più, per americanizzare di più la nostra vettura. Ma nessuna azienda è venuta a sponsorizzarci per il solo fatto di essere americani”, ha concluso.

+ posts