Mercedes sotto pressione per lo sviluppo della W13

Mercedes sotto pressione per lo sviluppo della W13

25 Marzo 2022 0 Di Samantha

Nonostante il primo podio in Bahrain, la Mercedes ha tanto da sviluppare con la W13 ed è costante la pressione delle prime gare.

Nel primo weekend stagionale Ferrari e Redbull hanno dettato il passo e in Bahrain la Mercedes é riuscita a cavarsela con un terzo posto a seguito del ritiro di Verstappen e Perez. Si può dire che le nuove regolazioni abbiano dato ampi margini di sviluppo, considerando anche che le vetture di quest’anno presentano tutte qualcosa di diverso dalle altre, un design innovativo che le distingue. Probabilmente quello della Mercedes é stato il progetto più “aggressivo” o “coraggioso”, come é stato spesso definito, con l’assenza delle pance.

“É un lavoro enorme e una macchina ambiziosa, alcuni dicono che cerchiamo di raccogliere più di quanto seminiamo ma non penso sia il caso. L’obiettivo é risolvere i problemi che abbiamo ora il più in fretta possibile, magari nelle prossime 3 o 4 gare.” ha dichiarato James Allison, direttore tecnico della Mercedes
“In ogni caso faremo in modo che la nostra W13 sia di nuovo davanti in griglia a competere per i primi posti.”

Nonostante il primo podio in Bahrain, la Mercedes ha tanto da sviluppare con la W13 ed è costante la pressione delle prime gare.

E il porpoising?

Nelle ultime giornate di test e durante la prima settimana in Bahrain, Mercedes é uno dei team che più di tutti ha dimostrato di soffrire molto il porpoising.
“Chi riuscirà per primo a risolvere i problemi derivati dal porpoising sarà sicuramente avvantaggiato nel lotta al titolo. Nelle ultime settimane il team é sotto un’enorme pressione per assicurare lo sviluppo completo di una vettura performante. Cercheremo di risolvere i saltellamenti e allo stesso tempo di massimizzare i risultati; non c’è tempo da perdere, in fabbrica di lavora giorno dopo giorno e non vediamo l’ora di scoprire se il nostro lavoro sarà in grado di riportare la W13 nelle posizioni che merita.” queste sono state, infine, le parole di Allison, fiducioso nel suo team e convinto che ciò che manca alla Mercedes sia solo un po’ di tempo in più per lo sviluppo.

+ posts