Carlos Sainz ha dovuto lottare contro il suo fisico nel GP di Miami.

Carlos Sainz ha dovuto lottare contro il suo fisico nel GP di Miami.

12 Maggio 2022 0 Di Davide Citterio

Sainz pensa di aver pagato, dal punto di vista fisico, le recenti ricadute nelle ultime gare.

Carlos Sainz è, finalmente, riuscito a riprendersi un po’ di felicità, oltre a tornare sul podio, nel GP di Miami.

Lo spagnolo ha infatti terminato la gara in terza posizione, davanti a Sergio Pérez. Tuttavia, Sain ha concluso la gara molto distante da Verstappen e Leclerc, anche se questo podio fa ben sperare per le gare successive.

Carlos sembrava che potesse lottare con la gomma dura, ma, in realtà, il fattore che più ha inciso sulla sua gara è stata la condizione fisica.

Sainz non era riuscito a concludere le due precedenti gare ( che si erano tenute a Melbourne e ad Imola) e, durante il venerdì, ha avuto un violento impatto contro le barriere durante la FP2.

In Australia era riuscito a completare due giri prima di ritirarsi a causa di un testacoda, mentre ad Imola si era ritirato a causa di un contatto con Daniel Ricciardo durante il primo giro.

Ciò significa che, l’ultima volta che Sainz aveva percorso una distanza di gara completa, è accaduto in Arabia Saudita.

Perché la forma fisica era un problema?

“Non ci sono stati problemi con l’equilibrio“, ha detto quando gli è stato chiesto di spiegare la sua condizione fisica dopo la gara di Miami. “L’equilibrio, in realtà, era ovviamente difficile, perché non siamo riusciti a tenere il passo con Max e la Red Bull.

“Ma, da parte mia, ero più io che non mi sentivo al 100% verso la fine dello stint medio.

“Negli ultimi cinque giri ho iniziato a sentire un po’ di stanchezza al collo e non riuscivo a spingere al 100% a causa dell’incidente di venerdì.

“Non la userò come scusa, ma, forse, nelle ultime due gare è mancato [lo sforzo fisico] per abituare il collo e il corpo a queste monoposto di F1.

“Ovviamente, sono stato un mese senza una distanza di gara completa e probabilmente questo, combinato con l’incidente di venerdì, mi ha fatto non essere in grado di spingere al 100 percento più o meno fino alla safety car”.

Tuttavia, come ammesso dallo stesso Sainz, la cosa più importante era tagliare il traguardo dopo la bandiera a scacchi: “Non è tanto un sollievo, ma è necessario. Penso che avevo bisogno di completare una distanza di gara, di rimettere in forma il corpo e anche di riavere la sensazione dell’auto con pneumatici usati ed alto contenuto di carburante.

“Stavo ancora facendo un paio di errori là fuori durante la gara, ma solo perché stavo provando la macchina e me stesso là fuori.

“L’importante è che abbiamo fatto una gara completa. In alcune fasi della gara sono stato abbastanza veloce e anche le battaglie, e il feeling con la macchina in battaglia con Checo [ Sergio Perez ]. Ora so cosa fare con la batteria e con le gomme.

“Penso che mi abbia dato una buona comprensione di cosa fare in futuro”.

Carlos Sainz GP Miami
L’incidente di Sainz durante la FP2.
+ posts