Piquet si scusa pubblicamente con Hamilton: “Non intendevo offenderlo”

Piquet si scusa pubblicamente con Hamilton: “Non intendevo offenderlo”

29 Giugno 2022 0 Di Daniele Donzelli

Nelson Piquet si è scusato con Hamilton per la vicenda del razzismo. Il campione brasiliano dichiarato che non aveva nessuna intenzione di offendere Lewis con le sue parole.

Nella giornata di ieri il mondo della Formula 1 è stato scosso ancora una volta, purtroppo, da vicende riguardanti il razzismo. È stata scoperta un’intervista dello scorso novembre in cui il tre volte campione del mondo Nelson Piquet ha definito Hamilton in maniera razzista. Questa sarebbe stata la sua frase riguardante l’incidente di Silverstone tra l’inglese e Verstappen lo scorso anno (di cui ha riparlato anche Newey un paio di mesi fa): “Il negr**to ha messo la macchina in modo che Max non potesse sterzare. Il negr**to l’ha fatto perché sapeva che quella curva non avrebbero potuto farla in due. È stato fortunato che solo l’altra macchina sia andata a sbattere, ha agito in modo sporco”.
Il mondo della Formula 1, sia piloti che squadre, hanno preso giustamente le difese di Hamilton, condannando ogni tipo di azione del genere.

Le reazioni degli altri piloti

Il pilota della Mercedes ha risposto sottolineando che è arrivato il momento di agire e di cambiare mentalità.

“È qualcosa in più del linguaggio. Queste mentalità arcaiche devono cambiare e non hanno posto nel nostro sport. Sono stato circondato e bersagliato da atteggiamenti del genere in tutta la mia vita. C’è stato molto tempo per imparare. Ora è arrivato il momento di agire” ha scritto su twitter.

Tante sono state le reazioni dei colleghi di Hamilton, che hanno preso le sue difese. Ad esempio, il primo a farlo è stato il suo compagno Russell.
“Il fatto che lui e tanti altri piloti debbano ancora affrontare questo tipo di comportamento è inaccettabile. Dobbiamo unirci contro ogni tipo di discriminazione” sono state le sue parole.

Anche Leclerc e Ocon si sono schierati in maniera netta al fianco di Hamilton, con il monegasco che crede che “comportamenti del genere non dovrebbero essere tollerati”; mentre per Ocon “quando è troppo è troppo”.

Anche moltissimi altri piloti e squadre hanno mostrato il loro appoggio al sette volte campione della Mercedes, alleandosi contro ogni forma di razzismo.

Piquet si scusa pubblicamente con Hamilton: "Non intendevo offenderlo"

Le scuse di Piquet

Dopo aver scatenato questa bufera, Nelson Piquet si è scusato con il pilota in questione. Il brasiliano non aveva intenzione di andare contro Hamilton, e ha affermato che i termini da lui utilizzati non hanno connotazione offensiva in brasiliano. Inoltre, afferma che ci sono state delle incomprensioni con i media. Ecco le sue dichiarazioni:

“Vorrei fare chiarezza sulle storie che stanno circolando sui media riguardanti un commento che ho fatto in un’intervista lo scorso anno. Quello che ho detto è stato mal pensato, e non mi difendo per questo, ma voglio chiarire che il termine utilizzato è storicamente molto utilizzato in maniera colloquiale nel portoghese brasiliano come un sinonimo di ‘ragazzo’, ‘persona’ e non avevo intenzione di offendere [Hamilton]. Non userei mai le parole di cui sono stato accusato in alcune traduzioni. Condanno fortemente ogni pensiero che suggerisca che io abbia usato queste parole per sminuire un pilota a causa del colore della sua pelle. Mi scuso con tutto il cuore con chiunque sia stato coinvolto, compreso Lewis, che è un pilota incredibile. Le traduzioni di alcuni media che stanno circolando non sono corrette. La discriminazione non ha posto nella F1 né nella società”.

+ posts