Le Pagelle del Gran Premio d’Ungheria: Super Max, che disastro la Ferrari

Le Pagelle del Gran Premio d’Ungheria: Super Max, che disastro la Ferrari

1 Agosto 2022 0 Di Daniele Donzelli

Tempo di voti per i piloti dopo il sorprendente GP d’Ungheria. Vince con una grande rimonta Verstappen, seguito dalle Mercedes. Malissimo la Ferrari.

Max Verstappen 9,5: Grande rimonta del campione del mondo in carica, che conquista una vittoria fondamentale in ottica campionato. Sbarazzatosi rapidamente degli avversari di centro gruppo, dopo pochi giri è già in coda al gruppo di testa. Il suicidio Ferrari lo aiuta, ma sicuramente Max ci ha messo del suo. Mezzo voto in meno per l’errore nel primo tentativo in qualifica e per il testacoda in gara. Il mondiale sembra aver preso ormai la sua direzione.

Le Pagelle del Gran Premio Ungheria: Super Max, che disastro la Ferrari

Lewis Hamilton 10: Gara perfetta da parte del campione inglese, che si prende un secondo posto che sa di rivalsa. Costretto alla settima casella a causa di un problema al DRS, mostra un gran ritmo durante l’intera corsa. Riesce addirittura a terminare la gara davanti al suo compagno di squadra, che partiva dalla pole. Se non avesse avuto problemi in qualifica, forse avrebbe anche potuto giocarsi la vittoria. La Mercedes sta tornando…

George Russell 8,5: Sabato da sogno per il giovane inglese, che conquista la prima pole in carriera. La domenica, però, gli manca qualcosa in termini di ritmo per salire sul gradino più alto del podio. Bello e pulito il duello con Leclerc dopo il primo pit stop, ma nulla può contro l’inarrestabile Hamilton. Ottimo weekend e ottimo podio nel complesso, ma battere Lewis in gara sta iniziando a diventare sempre più difficile.

Le Pagelle del Gran Premio Ungheria: Super Max, che disastro la Ferrari

Carlos Sainz 6: Gara complicata per il pilota spagnolo, che sembrava averne quanto il suo compagno di squadra se non di più fino alle qualifiche. In gara però, fatica. Nel finale, nonostante la gomma rossa, non riesce a sopravanzare Russell per conquistare quantomeno un podio di consolazione. Sufficienza risicata con la (seppur minima) scusante di un grande sacchetto di plastica incastratosi nella sua Ferrari che ha in parte influito sulle sue prestazioni.

Sergio Perez 6: Momento molto difficile per il messicano, disastroso al sabato quando non riesce neppure ad entrare in Q3. Rimedia parzialmente in gara, portandosi a casa una quinta posizione che resta comunque abbastanza scialba. Deve ricaricarsi nella pausa e cercare di tornare con un altro piglio, perché così non va.

Charles Leclerc 8: Forse per la prima volta quest’anno rimane piuttosto deluso dopo le qualifiche, ma dimostra di esserci con il passo, soprattutto nella prima parte. Bel sorpasso su Russell, ma una volta presa la testa della corsa la Ferrari decide per il suicidio. Impossibile inventarsi qualcosa con la gomma bianca. Con la sosta aggiuntiva perde anche la posizione su Perez, il mondiale sembra ormai un miraggio.

Ferrari 2: Gara buttata, in gran parte per colpa della strategia anche nonostante una F1-75 non perfetta. Tanti, troppi errori. A farne le spese è soprattutto Leclerc, che non solo vede sfumare la vittoria e il podio, ma probabilmente anche il sogno mondiale. C’è assolutamente bisogno di ripartire dopo la pausa, almeno per cercare di vincere quante più gare possibile.

Le Pagelle del Gran Premio Ungheria: Super Max, che disastro la Ferrari

Lando Norris 8: Gara solida e in solitaria. Nulla può contro la rimonta furiosa delle Red Bull e di Hamilton, ma tiene testa alle Alpine senza problemi. Settima posizione importante anche per la classifica: Norris consolida il suo settimo posto in classifica e porta a casa punti preziosi anche per il costruttori.

Alonso 7,5: Sfrutta la strategia ad una sosta di Alpine per tornare in zona punti dopo una fase centrale di gara complicata con le hard. Un paio di duelli e scaramucce con Ocon erano forse evitabili, ma Nando non si tira mai indietro e finisce comunque davanti al suo compagno di squadra e porta a casa punti importanti per la classifica costruttori.

Ocon 7,5: Per il francese vale lo stesso discorso fatto con Alonso in precedenza.

Vettel 8: Il tedesco non intende mollare nonostante l’annucio del ritiro, anzi. Sebastian rimonta dalla P18 e riesce a conquistare un’importante zona punti che fa morale. Si prende anche la rivincita superando il compagno di squadra dopo ciò che è accaduto in Francia.

Le Pagelle del Gran Premio Ungheria: Super Max, che disastro la Ferrari

Stroll 6,5: Anche lui dimostra che la Aston Martin ha molto più ritmo in gara che in qualifica. Risale dalla quattordicesima casella fino ai margini della zona punti, ma finisce dietro a Vettel come d’abitudine.

Gasly 6: Rimonta non malaccio dalla pit lane, ma nel complesso il francese non porta a casa nessun punto. Lui e AlphaTauri hanno bisogno di una scossa durante questa pausa estiva.

Magnussen 5: Gli aggiornamenti portati (finalmente) dalla Haas non sembrano aver dato gli effetti sperati. Sempre lontano dalla zona punti, rimane sempre piuttosto anonimo.

Mick Schumacher 5,5: Anche lui abbastanza anonimo per tutto il weekend, mezzo voto in più di Magnussen visto che la sua VF22 non aveva gli aggiornamenti.

Ricciardo 5: Penalizzato da una strategia non eccellente da parte della McLaren, che gli monta le hard ad una ventina di giri dalla fine. In ogni caso, il divario con Norris è sempre più ampio.

Latifi 6: Fa sognare il pubblico ungherese con una storica prima posizione nelle FP3.

Tsunoda 4: Altro errore che pesa.

+ posts