Pirelli, senti Verstappen: “Vogliamo pneumatici anteriori più forti”

Pirelli, senti Verstappen: “Vogliamo pneumatici anteriori più forti”

11 Agosto 2022 0 Di Ivan Mancini

Il pilota olandese vorrebbe pneumatici anteriori più robusti in maniera tale da migliorare l’ingresso in curva delle moderne vetture ad effetto suolo.
 

Le parole di Max Verstappen riguardo i prossimi pneumatici suonano come una richiesta diretta ai tecnici Pirelli. L’olandese, contento del passo in avanti compiuto dai gommisti italiani, auspica che il marchio lombardo introduca pneumatici migliori in vista del prossimo anno. Con gomme anteriori più robuste e resistenti, il pilota Red Bull è convinto di poter migliorare la manovrabilità in curva delle nuove vetture ad effetto suolo.

Penso che le nuove gomme siano migliorate un po’ rispetto la scorsa stagione” ha ammesso Verstappen in un’intervista riportata da Formel1. Il campione del mondo in carica ha quindi promosso le gomme che Pirelli ha introdotto per far fronte alle esigenze delle nuove monoposto, sebbene ci siano alcuni aspetti che l’olandese preferirebbe migliorare in vista del prossimo anno.

 

Minore sottosterzo

Basandoci sulla prima metà di stagione, possiamo evidenziare come la nuova generazione di monoposto soffra generalmente più sottosterzo rispetto la precedente. Un effetto indesiderato che Max Verstappen attribuisce principalmente al maggiore peso dell’auto e alla nuova struttura delle gomme. Ricordiamo che, a partire dal 2022, Pirelli ha introdotto in griglia pneumatici da 18 pollici con un profilo più basso e fianchi più rigidi, i quali hanno inevitabilmente modificato il comportamento della vettura e quindi lo stile di guida del pilota.

Questo, ovviamente, ha obbligato i tecnici delle varie scuderie a lavorare duramente per aggirare il problema e cercare di migliorare l’auto. Red Bull è stata una delle migliori in tal senso e l’olandese lo sa bene, a tal punto che ha proseguito l’intervista elogiando il lavoro svolto dal team austriaco dalll’inizio del campionato fino alla pausa estiva. “Ad inizio stagione, in Bahrain, la macchina apriva molto in curva. Probabilmente è un effetto dovuto al peso dell’auto e alla differente struttura delle gomme. Non è l’ideale, ma Red Bull ha lavorato sodo per aggirare questo problema e per aumentare il potere sterzante nonostante le gomme. Ad oggi abbiamo migliorato la macchina, ma ci sono ancora dei limiti con cui dobbiamo fare i conti” ha ammesso l’olandese.

 

Gomme anteriori più forti

D’altra parte, Verstappen è altrettanto consapevole che non sempre ciò che vuole il pilota collima con i limiti tecnici dello pneumatico o della monoposto. Il cambio regolamentare cui abbiamo assistito tra la precedente stagione e quella attuale è stato talmente grande che la situazione era poco chiara persino per Pirelli: portare una nuova tipologia di gomme, e soprattutto montarle su una nuova generazione di vetture, è stata una vera e propria sfida per i fornitori lombardi. Verstappen è consapevole di questo e, pertanto, ha evidenziato l’impegno profuso dei vari tecnici Pirelli nel riprogettare gli pneumatici per la massima serie automobilistica. “L’unica cosa certa è che avrebbero dovuto portare una gomma senza sapere quanto carico aerodinamico avrebbero generato le nuove monoposto. Considerando anche il peso maggiore, per i tecnici dev’essere stato difficile immaginare cosa aspettarsi“.

Tuttavia, Verstappen auspica che anche Pirelli continui a lavorare duramente affinché possa fornire una nuova tipologia di gomme adatta alla situazione. Lo stesso produttore, in vista del 2023, prevede di portare un nuovo pneumatico anteriore più forte, che garantisca ai piloti degli indubbi vantaggi in curva. Verstappen guarda con cauto ottimismo a questa possibile soluzione. “Ovviamente, con una gomma anteriore più forte, potremmo entrare meglio in curva, ma d’altra parte l’eccessivo peso limiterebbe il guadagno nelle curve lente“.

+ posts