La Williams svela le caratteristiche del secondo pilota che desidera

La Williams svela le caratteristiche del secondo pilota che desidera

15 Ottobre 2022 0 Di Davide Citterio

Solamente Alexander Albon è stato confermato dalla Williams per il prossimo anno, con Latifi che – come già annunciato – lascerà la F1 al termine della stagione. Ancora non sappiamo chi sarà l’erede di Nicholas Latifi, ma conosciamo quali sono le qualità del pilota che sta cercando la scuderia britannica.

Alexander Albon è riuscito, a suon di ottime prestazioni, a conquistarsi la riconferma per la prossima stagione. L’anglo-thailandese, infatti, anche la prossima stagione guiderà per la Williams, restando il primo pilota del team.

Alexander Albon alla guida della Williams FW44 nel 2022.
Alexander Albon alla guida della Williams FW44 nel 2022.

Nonostante la riconferma di Alex, la line-up del team di Grove è ancora incompleta. Manca, difatti, il secondo pilota. L’attuale secondo, Nicholas Latifi, lascerà la F1 una volta conclusa questa stagione.

La Williams è ancora in cerca di un sostituto del pilota canadese e sembra che la faccenda andrà per le lunghe. Pertanto, ancora non conosciamo chi erediterà il sedile di Latifi in Williams, ma sappiamo che la scuderia britannica sta cercando un pilota in grado “di spingere” Albon. La scuderia desidera trovare un altro pilota in grado fare pressione e “tenere testa” al suo primo pilota, ma – allo stesso tempo – i due devono aiutarsi a vicenda a migliorare.

“Abbiamo bisogno di qualcuno che faccia pressione su Alex e che combatta con lui in ogni gara“, ha dichiarato Dave Robson, capo ingegnere della Williams, in un’intervista con PlanetF1.

“Idealmente, qualcuno in cerca di caratteristiche simili dell’auto. Tutto quello che vogliamo fare è avere due macchine competitive che si spingono a vicenda attraverso la Q2, la Q3 e oltre ha continuato Robson.

Tempo fa si parlava di un possibile arrivo di Oscar Piastri, ex junior Alpine, oppure di Nyck De Vries, junior Mercedes che ha gareggiato quest’anno a Monza proprio con la Williams. I due piloti, però, sono rispettivamente approdati in McLaren e AlphaTauri. Sembra, tuttavia, che la perdita di questi due possibili candidati non abbia innervosito o preoccupato il team di Grove.

“Non è destabilizzante per noi. Penso che siamo molto concentrati qui e ora in pista “ ha rimarcato il capo ingegnere della Williams.

“Il gruppo di ingegneri non prende troppo atto, durante il fine settimana, di quelle che sono le speculazioni per il prossimo anno. Ci sono dei preparativi in ​​corso, ma, in realtà, se ne stanno occupando Jost Capito e il suo team. Il nostro lavoro è solo quello di concentrarci sul fine settimana, spingere la macchina e impostare le specifiche per l’auto del prossimo anno, indipendentemente da chi la starà guidando” ha concluso Robson.

I candidati della Williams pare che siano due: Mick Schumacher, anche se quest’ultimo sembra allontanarsi sempre di più, e il pilota di F2 Logan Sargeant.

+ posts