FE | Round 1 Messico: Dennis domina l’E-Prix, secondo Wehrlein, terzo Di Grassi. Che lotta nel finale!

FE | Round 1 Messico: Dennis domina l’E-Prix, secondo Wehrlein, terzo Di Grassi. Che lotta nel finale!

14 Gennaio 2023 0 Di Angelo Dello Stritto

Il primo E-Prix della season 9 è iniziato con più giri sotto safety car, che non. Ma nel finale, con duelli stupefacenti come quello tra Hughes e Lotterer, si è riacceso del tutto!

Finalmente, dopo tanti mesi d’attesa, abbiamo assistito alla prima gara delle Gen-3. Ecco i primi metri percorsi da queste monoposto:

Il vincitore dell’E-Prix, Jake Dennis, alla partenza ha rischiato di essere attacco da Jake Hughes, autore tra l’altro di una prestazione spettacolare.

Prima gara in Formula E e riesce ad impensierire i suoi colleghi, con qualche anno in più di esperienza.

La prima parte di gara non è stata delle migliori, dati i tanti giri percorsi sotto Safety Car.

La prima Safety Car è uscita in pista a causa del contatto Frijns-Nato, causato dal pilota dell’ABT che ha centrato il pilota francese di casa Nissan, entrambi costretti poi ad un inevitabile ritiro. Il contatto è avvenuto nella nuova chicane.

Il team ABT ha annunciato poco fa con un post su twitter, che a seguito dell’incidente Frijns si è fratturato la mano sinistra ed è attualmente all’ospedale. Gli auguriamo una pronta guarigione.

La sfortuna continua per Sam Bird, poco dopo il contatto precedentemente citato, Bird è vittima di un problema alla propria vettura.

Verrà costretto a fermare la monoposto dopo curva 1, vicino le barriere.

Sam Bird Hughes Dennis

La monoposto ha sofferto della rottura dell’albero di trasmissione dopo la ripartenza, che ha spinto poi la safety car a rientrare subito in pista.

Sorprendentemente il pole-sitter Lucas Di Grassi non è stato per molti giri in testa, è stato difatti attaccato da Dennis e successivamente sorpassato al giro 12, poco dopo la curva 3, senza diritto di replica.

Dennis ha successivamente allargato il gap con tutta la griglia, volando letteralmente via.

Ha ottenuto un vantaggio sufficiente, tale da potersi permettere di usare l’attack-mode senza il timore di dove rinunciare a qualche posizione.

Una terza safety car esce al giro 18.

Questa volta a causa di un errore di Edoardo Mortara, che perdendo il posteriore in curva 1, sbatte contro le barriere e finisce anch’egli per ritirarsi.

Questa terza sc ha fatto si che la gara si allungasse di ben 5 giri, secondo la direzione di gara.

Di Grassi ha avuto un finale di gara ben poco felice.

La sua Mahindra, registrava il 2% di energia in meno, rispetto ai suoi principali rivali durante gli ultimi giri.

E’ stato costretto quindi a guidare sotto una pressione non indifferente.

Nonostante questo, riuscirà a difendersi da Hughes e Lotterer, protagonisti di un bellissimo duello.

Quello di Hughes in particolare è stato un debutto con i fiocchi.

Seppur la perdita di due posizioni, è riuscito a concludere la gara in Top 5, protagonista oltre tutto di vari duelli nei quali si è fatto valere e non poco.

Degna di nota è anche chiaramente la prestazione del rookie di casa Nissan, Fenestraz.

E’ stato per quasi tutta la gara in Top 10, finendo purtroppo la gara fuori dalla zona punti

Mitch Evans autore di un povero weekend riesce a raggiungere l’ottava posizione, davanti a Cassidy e Vandoorne che dato il brutto weekend in casa DS deve accontentarsi solo di 1 punto.

Dopo la sua sensazionale quinta posizione in qualifica, Ticktum ha subito una penalità drive through poichè ha superato il limite di potenza e ha guadagnato oltretutto anche un vantaggio uscendo di pista, è inoltre indagato per una possibile violazione della procedura di safety car. Ha concluso la gara in 17esima posizione.

La season 9 però si è aperta con solo un protagonista, un perfetto ed infermabile Jake Dennis, nessuno ha potuto impensierirlo on dargli fastidio in qualche modo, perfetto dal primo fino all’ultimo giro dell’E-prix, riuscendo a prendere anche il giro veloce (1:14:195)!

Ecco la classifica finale:

Dennis Hughes
+ posts