Binotto: “Dobbiamo trovare ancora potenza per il motore”

Binotto: “Dobbiamo trovare ancora potenza per il motore”

6 Maggio 2021 1 Di Alessandro FDC

La Ferrari ha finalmente ritrovato competitività. La squadra corse è di nuovo in lotta per il terzo posto nella classifica costruttori e il team principal Mattia Binotto in una recente intervista ha parlato delle ragioni di questo miglioramento, delle sue aspettative, dei primi mesi sotto il budget cap e del futuro dei motori.

binotto

“La Ferrari è di nuovo in lotta per il terzo posto. Ti ha sorpreso o te lo aspettavi?”

“Era quello che speravo. Che sia più o meno del previsto è una risposta inutile. Per me l’importante è poter far nuovamente affidamento sui nostri dati. Abbiamo lavorato bene sui nostri punti deboli dello scorso anno: l’elevata resistenza aerodinamica della vettura, la potenza del motore, la stabilità aerodinamica e il carico aerodinamico in generale. Ecco perché sono felice.”

“In Bahrain il divario dalla pole position era di sette decimi, a Imola di tre e a Portimao di nuovo di sette. Il vero divario sta nel mezzo?”

“Max Verstappen ha commesso un errore nel suo giro più veloce a Imola. Con un giro perfetto il distacco sarebbe stato maggiore. Poi dipende anche dalle caratteristiche e dalla lunghezza dei vari circuiti. Penso che mezzo secondo dietro la pole position sia una buona media.”

“Il centro gruppo sembra essere diviso in due sottogruppi, con la Ferrari nel primo. Pensi che questi si stiano ancora mescolando?”

“Non credo che ci siano due sottogruppi. Le distanze sono così piccole che un diverso layout della pista, un piccolo errore o un pilota che non fa un buon giro possono provocare una grande perdita di posizioni. Mi aspetto scontri ravvicinati con tutti in questo gruppo. Dopo solo tre gare su 23, è troppo presto per dire se c’è un particolare ordine gerarchico. A Portimao, ad esempio, non siamo stati in grado di capitalizzare i nostri buoni tempi sul giro nelle prove libere durante la gara. Abbiamo avuto problemi con le gomme medie. Dobbiamo ancora analizzare le ragioni. Barcellona potrebbe darci un’immagine più chiara. È il primo circuito tradizionale in calendario e solitamente è un circuito dove si possono vedere i punti di forza e di debolezza delle singole vetture. Dopodiché, è possibile determinare dove ti trovi. È anche la quarta gara. Penso che la maggior parte delle squadre capiranno le loro macchine al punto da poterle sfruttare al meglio.”

“Quanto è importante il terzo posto per la Ferrari? È solo simbolico o è più importante aver fatto un balzo in avanti?”

“Il terzo posto non è il nostro obiettivo principale. Ciò che è più importante è il dimostrare di poter migliorare in tutti i settori. Aerodinamica, telaio, motore, bilanciamento, pit stop. Quando guardo le prime gare, siamo stati tra i migliori nelle soste ai box. Solo due squadre hanno una media di meno di tre secondi. Siamo uno di loro. La mentalità che cerca ogni dettaglio è tornata. Siamo in grado di riconoscere le nostre debolezze e di porne rimedio. Non succede nulla dall’oggi al domani, ma siamo sulla strada giusta per tornare in vetta.”

sainz leclerc

“Dove vedi ancora delle difficoltà?”

“Ci manca ancora un po’ di potenza nel motore, anche se abbiamo fatto ottimi progressi. Sia in qualifica che in gara. Questo può renderci vulnerabili in un duello in una gara. Abbiamo anche apportato miglioramenti significativi all’aerodinamica, ma non siamo ancora al livello dei due top team. Le nostre mani erano in parte legate a causa del parziale congelamento delle vetture. La maggior parte delle aree erano bloccate.”

“In quale area è stato più difficile fare progressi a causa delle restrizioni?”

“In quella del motore. Bisogna trovare prestazione senza danneggiare la stabilità. Sono due compiti fondamentali. Il tempo di sviluppo è maggiore rispetto ad altri. Abbiamo reagito bene in breve tempo.”

“Ci sarà bisogno di richiedere un’uguaglianza artificiale dei motori se lo sviluppo verrà congelato dal 2022?”

“Ad oggi, la differenza tra i singoli motori non è abbastanza grande da richiederne l’uguaglianza. In ballo ci sono circa due decimi. Non avrebbe molto senso chiedere la parità delle prestazioni. Ma ovviamente il nostro obiettivo non è quello di entrare in una finestra di due decimi. Vogliamo essere i migliori. Ci vorrà quindi un altro grande sforzo per fare un altro passo per il 2022. Sappiamo di non essere ancora i migliori e che abbiamo ancora opportunità per migliorare.”

“Quanto è difficile adattare i motori al carburante E10? Da fuori non sembra un compito arduo.”

“È un grande lavoro. Perché colpisce due parti. In qualità di produttore di motori, dobbiamo cambiare il processo di combustione. Il fornitore di carburante deve adattare il proprio prodotto. Un nuovo processo di combustione modifica le forze su alcuni componenti all’interno del motore, il che ha un impatto sul design. Ma anche la messa a punto e tutti i parametri relativi alla combustione devono essere rivalutati.”

leclerc ferrari

“Si avvicina il momento in cui i team concentreranno completamente lo sviluppo del telaio per il 2022. Come agirà la Ferrari?”

“Ci troviamo di fronte allo stesso compito di tutti gli altri. Quanto sacrificare per un programma a beneficio dell’altro? L’auto del 2022 è così nuova, così diversa, che stiamo facendo passi da gigante ad ogni sessione in galleria del vento. Quindi c’è molto spazio per lo sviluppo, ma relativamente poco tempo. Ecco perché l’auto del 2022 deve avere la priorità. La maggior parte del nostro team sta già lavorando su questa vettura. Ma ciò non significa che non ci siano più passaggi di sviluppo sull’auto del 2021. Tuttavia, non esiste un piano prestabilito per lo sviluppo. Se ci viene in mente qualcosa, sarà fatto.”

“I primi quattro mesi al di sotto del budget cap sono finiti. In quale area ti vedi più limitato?”

“Prima di tutto: il limite di costi in generale è stata la sfida più grande degli ultimi anni. È una sfida completamente nuova cavarsela con 145 milioni di dollari. Un totale cambiamento culturale. Una grande squadra come la Ferrari con così tante risorse deve stabilire le priorità, essere efficiente ovunque, rintracciare e nominare le cose di cui si può fare a meno. È anche un’enorme quantità di burocrazia riferire tutto questo alla FIA. Attualmente stiamo sviluppando software e strumenti per aiutarci a farlo. Abbiamo anche bisogno di un sistema che ci consenta di calcolare con precisione cosa spendiamo dove, cosa vale e cosa no. È un mondo diverso.”

“Un incidente come quello di Bottas a Imola sarebbe un problema anche per la Ferrari?”

“Non in questa fase della stagione perché hai abbastanza tempo per reagire con la pianificazione del budget. Diventa più difficile più avanti nella stagione. Un simile incidente costa sicuramente denaro. E se devi contare ogni dollaro, alla fine può fare la differenza. Devi assolutamente apportare modifiche alla pianificazione del budget.”

“Carlos Sainz è uno dei cinque piloti che hanno cambiato squadra. Perché anche i più esperti trovano così difficile passare a un’altra macchina al giorno d’oggi?”

“Prima di tutto, c’è da dire che i piloti hanno avuto solo un giorno e mezzo di test per abituarsi ad una nuova macchina e una nuova squadra. È molto poco. In secondo luogo, le auto attuali sono molto difficili da guidare. Come osservatori dall’esterno, non ce ne accorgiamo nemmeno. Il compito non è solo quello di girare in tondo. Riguarda gli ultimi uno o due decimi. Queste macchine sono dei veri mostri. Ognuno ha le proprie peculiarità. Ci sono sottili differenze nel coordinamento del telaio, del servosterzo e del bilanciamento aerodinamico. Può essere molto diverso da un’auto all’altra. Trovare il limite ovunque lo rende così difficile.”

“La Formula 1 vuole fissare le regole del motore per il 2025 entro l’estate. Quali parametri sono importanti per la Ferrari?”

“Direi che si spera di trovare una soluzione in estate. Prima di tutto, la maggior parte delle squadre deve essere d’accordo. Le nuove unità di trasmissione, a seconda di come appariranno, richiederanno anche un cambiamento nelle regole del telaio. Nel 2025, le regole del 2022 avranno solo tre anni. La domanda è se tutti saranno pronti per grandi cambiamenti. Cosa è importante per noi in Ferrari? Tutti hanno già concordato sulle basi. I costi devono essere ridotti. L’obiettivo è del 50 percento. Stiamo ancora discutendo circa il 50 per cento di cosa. In ogni caso, sarà una svolta significativa. Deve contenere anche un elemento ecologico.  Sono necessarie tecnologie sostenibili. Efficienza ancora migliore di quella odierna. Ciò può essere ottenuto solo espandendo la trazione elettrica e utilizzando carburante neutro dal punto di vista climatico. Devono essere le tecnologie che interessano anche le case automobilistiche.”

Seguimi su Fan del Cavallino

+ posts