Capolavoro di Lawson nella Sprint Race 2 di Monaco.

Capolavoro di Lawson nella Sprint Race 2 di Monaco.

22 Maggio 2021 0 Di Nicola Cobucci

Liam Lawson ha superato Oscar Piastri nelle fasi iniziali ottenendo la sua seconda vittoria in Formula 2 nell’umida Sprint Race 2 del sabato mattina a Monaco.

Il pilota Hitech ha dominato una gara iniziata su una pista resa insidiosa dalla pioggia notturna. Ottima prestazione di Dan Ticktum, che ha superato Piastri, lasciando il pilota Prema sul gradino più basso del podio.

Dopo aver conquistato la pole position con un superbo passaggio all’ultimo giro su Jehan Daruvala il giorno prima, Marcus Armstrong non è stato in grado di partire. Il pilota della DAMS si è fermato a Rascasse mentre si recava alla griglia, ed è stato spinto ai box per prendere il via dalla pit-lane.

Ciò ha comportato che Lawson, secondo in griglia, è diventato effettivamente il poleman. Ma Piastri, alle sue spalle, ha trovato un ottimo spunto dalla terza piazza in griglia e ha immediatamente superato Lawson per prendere il comando.

Piastri ha guidato il gruppo verso Massenet, lasciandosi alle spalle solo Gianluca Petecof. Il pilota del team Campos è stato vittima di un’incidente per il secondo giorno consecutivo dopo aver trovato Marino Sato al suo interno a Sainte Devote. L’intero gruppo ha iniziato con gomme da bagnato, compreso Armstrong ai box, ma la sua gara è finita presto quando ha parcheggiato alla prima curva dopo un lungo.

Piastri non sembrava a suo agio sulla pista umida e dopo la VSC provocata da Armstrong Lawson si è lanciato all’interno della Rascasse con una grande manovra che gli è valsa la testa della classifica.

Un’altra VSC è stata chiamata quando Sato è andato lungo a Sainte Devote. Con l’asciugarsi della pista questo ha spinto a scommettere il team Virtuosi, che ha messo entrambe le vetture su slick. La decisione si è rivelata un errore disastroso, entrambi i piloti hanno subito perso decine di secondi al giro. Il leader del campionato Zhou è tornato nuovamente ai box dopo qualche giro.

I tempi sul giro di Piastri hanno continuato a fluttuare: al 14° giro ha fatto di nuovo il giro più veloce, ma Ticktum è stato più che abbastanza veloce da stargli dietro, e la volta successiva il pilota Carlin si è diretto all’interno alla chicane e ha ottenuto il secondo posto.

Ticktum ha chiuso su Lawson e al 20° giro i due erano di nuovo insieme. Ma al 21esimo giro Ticktum è rimasto leggermente fuori linea a Massenet e ha perso circa due secondi dal suo rivale.

Al 25° giro Bent Viscaal ha tamponato David Beckmann a Sainte Devote, i due si sono fermati piroettando. La rapida attenzione dei commissari di Monaco ha fatto sì che fossero necessari solo un paio di giri dietro la Safety Car per riportare l’ordine, ma con la gara che si avvicinava alla fine della fascia oraria assegnata è diventato chiaro che l’intera distanza non sarebbe stata completata.

La gara è ripresa al 27° giro con il tempo per i due giri finali. Lawson ha gestito Ticktum con disinvoltura alla ripartenza, mentre Piastri ha resistito agli attacchi di un ottimo Juri Vips.

Lawson ha completato una bella mattinata conquistando anche il giro più veloce prendendo la bandiera a scacchi otto secondi prima di Ticktum dopo appena due giri di bandiera verde.

Ralph Boschung ha preso il sesto posto dopo aver guidato una fila di rivali per gran parte della gara. Roy Nissany ha buttato via il settimo quando ha colpito il muro a Sainte Devote. Richard Verschoor. Lirim Zendeli, Jehan Daruvala e Jack Aitken hanno completato la top 10.

Robert Shwartzman, che si è fermato ai box per le gomme slick prima della ripartenza dalla Safety Car, le ha usate a suo vantaggio e ha preso il giro più veloce da Lawson mentre tagliava il traguardo ma poiché non è arrivato tra i primi 10 non ha preso il punto addizionale.

+ posts