Il prossimo calendario da 23 gare è ciò che realmente vuole il pubblico?

Il prossimo calendario da 23 gare è ciò che realmente vuole il pubblico?

22 Ottobre 2021 1 Di Ivan Mancini

La prossima stagione di Formula 1 conta ben 23 appuntamenti. Il risultato è un calendario denso e ricco di impegni che ha sollevato molte polemiche. Ma è questo che veramente vuole il pubblico? Un sondaggio di Motorsport Network ci aiuterà a chiarire le idee…
 

Recentemente è stato approvato il calendario per la prossima stagione, nel quale hanno trovato conferma molti appuntamenti che prima erano marcati da un punto interrogativo. Una decisione che, come facilmente auspicabile, ha fatto scatenare numerose polemiche, tra chi rimprovera un eccessivo numero di gare (ben 23), chi riflette sull’utilità di correre in paesi dalla scarsa cultura automobilistica (o paesi che non rispettano i diritti civili, in barba al #weraceasone) e chi invece fa notare la pessima organizzazione logistica delle trasferte. In tutto questo marasma di opinioni, cosa ne pensano i tifosi? I risultati di un sondaggio curato da Motorsport Network potrà aiutarci in tal senso.

Motorsport Network è un’azienda internazionale di media e tecnologia che si focalizza su contenuti riguardanti l’automobilismo. In collaborazione con Formula 1 e Nielsen, Motorsport Network ha recentemente pubblicato i risultati di un sondaggio che abbraccia numerosi argomenti, come l’audience, l’indice di gradimento, la partecipazione fisica alle gare ed altre statistiche. Il sondaggio fa riferimento ad una fetta di pubblico composta da 167mila spettatori distribuiti in 187 paesi. Non di certo un numero impressionante, ma quantomeno sufficiente per il nostro scopo, ovvero conoscere l’opinione di chi “manda avanti la baracca”: i tifosi.

 

Il “calendario perfetto”

Lo studio affonda le proprie radici nel lontano 2005. A partire da quella data, Motorsport Network ha focalizzato le proprie energie nel tentativo di capire i gusti del pubblico e il loro indice di gradimento circa le tappe proposte in calendario. Combinando le risposte dei tifosi in questi sedici anni, Motorsport Network crede di essere giunta ad un “calendario perfetto” – concetto da interpretare con la dovuta cautela – in grado di mettere d’accordo gli spettatori di tutto il mondo.

Il calendario comprende quattro circuiti definiti “intoccabili” (Monaco, Monza, Silverstone, Spa: sono i circuiti in cui si respira maggiormente la storia dell’automobilismo europeo); a questi fanno seguito cinque circuiti popolari e “perenni” (Australia, Brasile, Canada, Giappone, USA). Successivamente, il pubblico ha candidato tre circuiti di nuova introduzione ma che hanno riscontrato un grande successo (Azerbaijan, Abu Dhabi, Singapore); infine sono stati elencati altri quattro appuntamenti di cui il pubblico ha gradito la reintegrazione (Germania, Francia, Austria, Olanda). In seguito il grafico che esprime al meglio l’opinione dei tifosi.

Grafico che mostra il gradimento dei tifosi verso i circuiti negli ultimi 16 anni

Il grafico evidenzia particolare interesse degli spettatori circa 16 appuntamenti del mondiale. Tali dati, tuttavia, devono essere interpretati nell’attuale contesto pandemico che, nelle ultime due stagioni (2020 e quella corrente), ha determinato numerosi cambiamenti del calendario. Alcuni appuntamenti, come Melbourne, Austin, Montreal e Singapore, cancellati a causa della crisi sanitaria, hanno dimostrato un calo di interesse. Niente di più normale, considerando che negli ultimi due anni non si è disputata alcuna gara in questi paesi. Ciò è andato a favore dei paesi che hanno ospitato un doppio appuntamento (Bahrain e Austria), oppure di quelli che sono rientrati nel calendario dopo anni (Turchia e Olanda), i quali hanno fatto registrare un aumento di popolarità. Bisogna poi osservare come alcune gare, come quelle di Miami, del Vietnam e dell’Arabia Saudita, sono ancora a quota zero in quanto il Circus non ha ancora messo piede in questi territori.

+ posts