Mazepin si lamenta: “Ci sono regole diverse all’interno della squadra”

Mazepin si lamenta: “Ci sono regole diverse all’interno della squadra”

9 Novembre 2021 0 Di Daniele Donzelli

Il rapporto tra Mick Schumacher e Nikita Mazepin non è certo dei più rosei, e diverse sono state le situazioni di disaccordo tra i due. Nella giornata di sabato scorso c’è stato un altro momento di incoprensione.

Sin dai test pre stagionali era evidente come la Haas sarebbe stata il fanalino di coda della F1 nel 2021. La squadra americana ha sacrificato quest’annata investendo le proprie risorse sul 2022, anno del cambio di regolamento. Quindi, l’unico obiettivo per cui i due rookie Mazepin e Schumacher lottano è la sfida interna, con Mazepin che solo qualche volta ad impensierire il tedesco.

Ma tra i due ci sono state tensioni non solo durante le gare, come successo a Baku, ma anche durante le qualifiche, ad esempio in Olanda. Nel preparare il proprio tentativo nel Q1, i piloti si sono ostacolati a vicenda anche sabato scorso nel GP di Città del Messico.

Le lamentele di Mazepin

Il russo ha ricordato l’incidente che i rookie hanno avuto a Zandvoort, sottolineando come Mick non abbia rispettato le indicazioni della squadra, ed è quello che anche Nikita stava per fare, quando la squadra l’ha fermato:

“È qualcosa che sta andando avanti da un po’. L’ultima volta che è successa una cosa simile è stato a Zandvoort. – ha detto Mazepin a racefans.net – In quel caso la squadra ci disse che ci sarebbero state delle eccezioni in cui si potevano infrangere le regole interne prestabilite. Quella volte le eccezioni sono state applicate e credo che abbiano rovinato la mia qualifica. Oggi ho visto che il mio compagno aveva spazio davanti a sé, ma andava più piano del previsto. Così ho pensato che lo facesse per avere le gomme nelle condizioni migliori possibili”.

A questo punto, il russo ha provato a sopravanzare Mick, perché il ritmo che stava tenendo il tedesco nell’out lap non era ideale per lui:

“Avevo bisogno di andare più veloce per portare in temperatura le gomme, quindi ho chiesto di superarlo. Mi hanno risposto di no. Rispetto sempre gli ordini della squadra, quindi sono rimasto dietro di lui. Non c’è molto da dire, mi sembra che le regole siano diverse all’interno del team” ha concluso Mazepin.

F1, Schumacher: "Con Mazepin non si può continuare così" - Formula Uno Live

La difesa di Mick

Ovviamente, Schumacher ha la sua visione dell’episodio, e di fronte alle parole di Mazepin non ha potuto fare a meno di controbattere. Il tedesco ha affermato che la scuderia ha dato ordini chiari ad entrambi i piloti:

“Dal nostro punto di vista tutto è andato come previsto. Abbiamo fatto il nostro out-lap come avevamo programmato. Penso che il team abbia fissato delle regole chiare e valide sia per me che per Nikita. Perciò non c’è nulla di realmente preoccupante o da discutere secondo me” ha controbattuto Mick.

Il team principal Gunter Steiner ha chiarito la questione, sottolineando come ci sia sempre il rischio che Mazepin e Schumacher si diano battaglia quando non devono, e quindi la squadra agisce in modo da evitarlo:

“Alla fine penso che Nikita abbia potuto fare il suo giro al meglio, aveva spazio e le gomme erano in temperatura. Credo che abbia chiesto via radio ma che non sapesse che davanti a Mick c’erano altre macchine. Se lo avesse superato, sarebbe comunque rimasto bloccato dietro quelle, quindi perché avrebbe dovuto farlo?”

Di certo la sfida Mazepin-Schumacher non finisce qui, e Gunter Steiner avrà un bel daffare a cercare di farli andare d’accordo…

+ posts