Alonso si racconta: “Ho sofferto le prime gare del 2021”

Alonso si racconta: “Ho sofferto le prime gare del 2021”

26 Gennaio 2022 0 Di Giosuè Vitiello

Fernando Alonso, in una lunga intervista, ha parlato delle sue difficoltà nel prepararsi al suo ritorno il Formula 1 lo scorso anno.

Fernando Alonso è sicuramente una delle più importanti personalità all’interno del paddock, nonché una delle più amate da tutti gli appassionati. La notizia del suo ritorno lo scorso anno ha sconvolto tutti, tutti tranne lo stesso Fernando che, nonostante un’età avanzata e una dieta particolare, si sentiva ancora in grado di lottare. “Ovviamente, non mi alleno allo stesso modo ora, a 40 anni, di quando ne avevo 23. Devi allenarti di più, devi fare più stretching, devi avere una routine alimentare diversa. Devi fare molte, molte altre cose per essere nella stessa forma e con la stessa forza. Sono pronto a farlo, è per questo che sono tornato anche io. Ci sono più sacrifici da fare. Ma questo è il piano per questo inverno, sarò il più forte possibile. So che dovrò allenarmi e dovrò fare più degli altri piloti perché sono più vecchio di loro”.

Fernando Alonso, in una lunga intervista, ha parlato delle sue difficoltà nel prepararsi al suo ritorno il Formula 1 lo scorso anno.

L’asturiano è tornato a parlare delle difficoltà che ha avuto nel prepararsi al suo ritorno in Formula 1. In particolare ha definito limitanti l’incidente in bicicletta in Svizzera e i pochi giorni di test. A detta di Alonso questi due fattori hanno influito pesantemente sul rendimento di inizio stagione. “L’incidente di febbraio con la bicicletta non ha aiutato l’anno scorso. A gennaio dovrò rimuovere le placche dal mio viso. Quindi, avrò due settimane di riposo a gennaio. Ma probabilmente avrei avuto quelle settimane comunque, anche senza l’operazione perché è solo il tempo di rilassarsi. Probabilmente il giorno e mezzo è stata la più grande limitazione. Se fosse stato un inverno normale, che si va quattro o cinque giorni in macchina, questo è stato sufficiente per individuare un paio di problemi, e per mettere a punto lo sterzo e alcune delle cose che mi mancavano all’inizio dell’anno. Quindi, direi che questa è stata la sfida più grande: semplicemente non avere un test invernale adeguato”.

Le sue aspettative per la nuova generazione di monoposto sono alte, come sono alte le ambizioni del team Alpine e a riguardo ha dichiarato: “Mi saranno estratte le placche dal volto e avrò un po’ di tempo per rilassarmi. Dopodiché, dobbiamo andare nei test invernali con un buon programma. Dobbiamo essere pronti fisicamente e anche in macchina e prepararci bene per la nuova stagione. E se la macchina sarà competitiva, sono sicuro che sarò al 100%”.

Website | + posts