La Red Bull ha paura: “Ferrari è una minaccia”

La Red Bull ha paura: “Ferrari è una minaccia”

2 Febbraio 2022 0 Di Giosuè Vitiello

Jonathan Wheatly, della Red Bull, ha confermato di temere la Rossa a causa dei continui miglioramenti e la coppia di piloti competitiva.

Nel 2021 si ha avuto una delle più belle stagioni degli ultimi anni. La battaglia tra Red Bull e Mercedes ha incantato i tifosi, facendo si che l’anno trascorso non fosse semplicemente di passaggio, ma un vero e proprio punto di svolta per la storia della Formula 1. Tuttavia Ferrari è stata ai margini di questa lotta, non riuscendo quasi mai ad impensierire i due top team a causa di uno sviluppo pressoché assente. Jonathan Wheatly, team manager di Red Bull, ha dichiarato che la Rossa di Maranello potrebbe essere una mina vagante nella lotta che si riproporrà nel 2022 tra il team austriaco e la casa tedesca. Il britannico ha poi affermato che gli farebbe piacere vedere più piloti contendersi una vittoria, anche se l’ambizione principale è essere competitivi per tutti i 23 Gran Premi della stagione.

Jonathan Wheatly, della RedBull, ha confermato di temere la Rossa a causa dei continui miglioramenti e la coppia di piloti competitiva.

Penso che sia molto difficile da prevedere a questo punto; hai solo i tuoi riferimenti rispetto alla macchina dell’anno scorso. Puoi ottenere frammenti di informazioni da altre squadre, ma non sai se ti stanno dicendo la verità, o solo cercando di farti preoccupare. Fondamentalmente, devi guardare la tua scrivania e devi fare il miglior lavoro possibile con quella. La Ferrari, sembrava essere molto forte alla fine dell’anno; erano chiaramente la terza squadra più veloce alla fine della stagione. Hanno anche una grande formazione di piloti. Non ero sicuro che si sarebbero uniti come piloti, ma sembra che l’abbiano fatto molto bene. Penso che la Ferrari sarà la grande incognita, o forse la grande minaccia di quest’anno“.

Jonathan Wheatly, della RedBull, ha confermato di temere la Rossa a causa dei continui miglioramenti e la coppia di piloti competitiva.

La mia idea del campionato del mondo perfetto è quella di vincere, ovviamente! Ma vorrei un combattimento di boxe a mani nude dalla prima all’ultima gara; mi piacerebbe avere combattimenti ogni fine settimana. Vorrei vedere sei, otto piloti in grado di vincere una gara. Chi può fare meno errori? Chi può mettere giù la macchina più competitiva nel maggior numero di week-end? Chi può capitalizzare quelle chiamate strategiche all’ultimo minuto? Non fraintendetemi, sarebbe fantastico dominare e vincere 23 gare all’anno! Ma il mio campionato ideale è quello in cui sei esausto alla fine dell’anno, ma che hai raggiunto qualcosa di straordinario“.

Website | + posts