Le pagelle del secondo weekend di FE.

Le pagelle del secondo weekend di FE.

14 Febbraio 2022 0 Di Davide Citterio and Tommaso Pelizza

Nella giornata di sabato si è concluso il secondo weekend di FE corsosi in Messico. I protagonisti sono stati sicuramente Porsche e Wehrlein, ma che voto riceveranno?

Come ogni lunedì è tempo di stilare le pagelle della Formula E e fare i bilanci del secondo weekend dell’anno ricco di colpi scena.

Andretti

Jake Dennis: 5.5

La fiamma di Jake Dennis si spegne dopo un ottimo primo weekend. Infatti, il pilota britannico si qualifica solamente undicesimo, per poi terminare la gara nella stessa posizione. Il calo, rispetto allo scorso fine settimana, è netto e quasi inaspettato.

Avalanche Andretti's Jake Dennis no longer just a rookie: 'I'm ready to win  this' | FIA Formula E

Oliver Askew: 5

Weekend negativo anche per il pilota americano di Andretti. Il ragazzo si qualifica 12esimo, facendo presagire delle buone speranze per la gara. Speranze che si riveleranno vane. Oliver perderà infatti ben 5 posizioni, terminando la gara in P17.

Askew swaps IndyCar for Formula E with Andretti deal - The Race : r/INDYCAR

Dragon

Sergio Sette Camara: 4

Il pilota brasiliano della scuderia Dragon si qualifica in 20esima posizione e conclude la gara nella stessa posizione. Per lui vale un discorso simile a quello fatto per Dennis: dopo un primo weekend abbastanza buono il ragazzo si perde.

Formula E | Sette Camara confermato alla Dragon per la Season 7 |  TheLastCorner.it

Antonio Giovinazzi: 5.5

Antonio si qualifica in 19esima posizione, facendo notare un miglioramento rispetto allo scorso weekend. È poi la volta della gara: Giovinazzi sembra aver preso una maggiore confidenza con la vettura, dimostrando un ottimo passo. Ma poi, la vettura dell’italiano inizia ad avere problemi e costringe Antonio al ritiro.

Formula E, le parole di Antonio Giovinazzi dopo il primo giorno di test a  Valencia - La Gazzetta dello Sport

Mercedes

Nyck De Vries: 6.5

Un altro pilota che ha avuto un calo rispetto allo scorso weekend è Nyck De Vries. Il campione del mondo in carica supera la sessione a gruppi in qualifica, ma viene eliminato ai quarti di finale da Lotterer. De Vries partirà sesto e confermerà la sua posizione anche in gara. L’olandese riuscirà a portare a casa un buon risultato, ma ci si aspettava qualcosa in più.

Nyck De Vries earns Mercedes-Benz Formula E drive - Formula Scout

Stoffel Vandoorne: 5.5

Nemmeno l’altro pilota Mercedes riesce a brillare e tenere alta la bandiera della scuderia. Vandoorne si qualifica ottavo, venendo eliminato ai quarti di finale da Wehrlein. In gara stava per ottenere la settima posizione, un buon risultato. Però, nel finale cala e perde tutto, terminando la gara in dodicesima posizione.

Stoffel Vandoorne pilotera pour Mercedes en Formule E la saison prochaine -  RTL sport

Envision

Robin Frijns: 6.5

Robin riesce a passare la sessione a gruppi e si qualifica quindi ai quarti di finale, dove verrà eliminato per mano di Edoardo Mortara. La qualifica del pilota di Envision si conclude in settima posizione. In gara Frijns lotta anche per il podio, ma viene sorpassato da De Vries dopo che Robin ha perso tempo nella lotta con Mortara per la 5 posizione. Il pilota di Envision terminerà la gara in 7 posizione.

Nick Cassidy: 5.5

L’altro pilota Envision, Nick Cassidy, si qualifica in nona posizione, dimostrando a tutti che questo sarebbe stato il suo weekend di riscatto. Ma le cose non vanno per il verso giusto e, in gara, si ritrova a finire solamente in 13esima posizione. Anche se, prima del finale di gara era riuscito ad entrare in top 10 grazie all’Attack Mode.

NIO 333

Oliver Turvey: 6
Weekend positivo per il pilota della NIO, che grazie ad una buona gestione della batteria nel finale e alcuni sorpassi nelle prime fasi di gara, riesce ad ottenere la 14a posizione, riuscendo a scavalcare piloti come Sam Bird ed Oliver Rowland.

Dan Ticktum: 5
Ultimo in qualifica e passo gara totalmente assente. Resta ancorato alle ultime posizioni per tutta la gara, rimanendo anche dietro ad entrambe le Dragon. Riesce a terminare in 18a posizione grazie all’esaurimento della batteria dei piloti davanti a lui. Ha molte attenuanti in quanto egli è un rookie, e ha ancora tanto da lavorare.

Nissan

Buemi: 6
Qualifica deludente, ma gara convincente. A differenza delle gare in Arabia Saudita il passo c’è eccome. Alla partenza scatta bene e sorpassa 4 piloti, e grazie ad un’ottima gestione della batteria riesce a sorpassare chi di energia non ne ha più, terminando in zona punti e davanti al compagno di squadra Gunther.


Gunther: 6
La qualifica è ottima, infatti piazza la sua auto in top 10. Poi però la gara è un disastro, prima dell’ultimo giro si trova ad arrancare nella top 15, poi però grazie ad un’ottima gestione della batteria riesce a terminare la gara in 10a posizione dietro al compagno di squadra, ma in zona punti.

DS Techeetah

Jean-Eric Vergne: 8
Jev si rivela competitivo già dalle qualifiche, infatti riesce a qualificarsi alle semifinali guadagnandosi poi la quarta posizione in griglia di partenza. In gara lotta con le unghie e con i denti, riuscendo a guadagnarsi un podio meritatissimo, dimostrando quello che è il vero Vergne.


Antonio Felix Da Costa: 8
Ecco il vero Da Costa. Dopo un inizio di stagione disastroso con un ritiro e un tredicesimo posto ad Ad-Diriyah, in gara tira fuori gli artigli che sono in lui e nonostante aver danneggiato la macchina con un contatto con Lotterer, riesce a farsi strada tra i suoi avversari al meglio, concludendo in quarta posizione e mettendo in scena una grandissima prestazione di livello.

Jaguar

Sam Bird: 4.5
DI-SA-STRO! Un weekend molto negativo per Bird, che appare molto debole fin dalle qualifiche, ottenendo solo il 17° tempo e facendosi battere dal compagno di squadra Evans. La gara procede anche bene, infatti lotta valorosamente per la zona punti con Di Grassi, ma esaurisce l’energia durante l’ultimo giro, sprofondando in 15a posizione, terminando la gara addirittura dietro alla NIO di Turvey. Si può fare di meglio.

Mitch Evans: 5.5
In qualifica arriva un leggero miglioramento; infatti riesce a battere il compagno di squadra Bird ottenendo l’11° tempo. In gara rimane sempre davanti a Sam e lotta con diversi piloti per la zona punti, ma poi, anche per lui, arriva l’ultimo giro – quel maledetto ultimo giro in cui esaurisce la batteria. Senza energia conclude la gara in 19a e penultima posizione arrivando sul traguardo a passo d’uomo.

Mahindra

Alexander Sims: S.V.
Il weekend di Alexander non si può valutare, in quanto termina la gara al primo giro per problemi tecnici. Oltre al 13° posto in griglia di partenza non c’è altro da segnalare.

Oliver Rowland: 5

La qualifica è un flop: 16° tempo in griglia di partenza. La gara però procede nel modo giusto, ma anche lui, come tanti colleghi finisce l’energia all’ultimo giro e sprofonda dall’8° posto al 16°.

Venturi

Edoardo Mortara: 7.5
Il leader del mondiale si qualifica in seconda posizione, perdendo la pole all’ultima curva, e termina la gara solo al 5° posto. Nonostante il risultato possa sembrare sembrare deludente, dimostra tutte le qualità possedute. Battaglia con gli alfieri Porsche in diverse occasioni, scambiandosi la leadership della gara per diverso tempo. Nell’ultima parte della gara però incappa in diversi errori che gli fanno perdere il podio. Si possono comunque trarre tanti aspetti positivi da questo weekend.

Lucas Di Grassi: 6-
Lui a differenza del compagno di squadra che lotta per la vittoria, si trova ad arrancare nella lotta per la zona punti complice una qualifica un po’ deludente. Termina la gara in 8a posizione ottenendo anche il giro veloce, ma riceve 5 secondi di penalità per aver causato un contatto, perdendo così sia zona punti che giro veloce.

Porsche

Pascal Wehrlein: 10
Weekend perfetto, pole meritata quanto la vittoria in gara. Se la guadagna battagliando valorosamente sia col compagno Lotterer che con Mortara. Goditela Pascal, questa vittoria è tutta tua.

André Lotterer: 9
Grandissimo weekend anche per l’altro pilota Porsche. In qualifica ottiene il 3° tempo, e in gara si guadagna con le unghie e con i denti un ottimo 2° posto, completando così un 1-2 da favola per il team Porsche.

+ posts
+ posts