Sainz e le lezioni imparate dal weekend in Arabia Saudita

Sainz e le lezioni imparate dal weekend in Arabia Saudita

4 Aprile 2022 0 Di teclamocchetti

Carlos Sainz ha commentato il weekend a Jeddah dicendo di aver appreso alcune importanti lezioni sulla gestione della nuova vettura.

Carlos Sainz ha concluso la scorsa stagione in bellezza con un terzo posto ad Abu Dhabi, e l’ha iniziata altrettanto bene. Su due gare Sainz ha ottenuto due podi, un secondo posto in Bahrain e un terzo posto a Jeddah. Nonostante le difficoltà di adattamento alle nuove macchine, così diverse rispetto al 2021, è riuscito ad ottenere ottimi risultati. Per Carlos, infatti, quello in Bahrain è stato il “weekend più difficile” come pilota Ferrari. Al contrario del suo compagno di squadra, che sembra trovarsi suo agio con la nuova macchina, Sainz sta avendo molte difficoltà con la F1-75. Ma è proprio sul risolvere le difficoltà avute con la macchina in questi due GP che lo spagnolo si sta concentrando. Secondo quanto da lui affermato, lo scorso weekend sarebbe stato risolutivo su alcuni suoi punti critici.

Carlos sainz

“Questa è stata una delle migliori esperienze dell’anno finora, esperienza in termini di andare su una pista che 100 giorni fa, dove avevo un altissimo livello di confidenza con l’auto dell’anno scorso”, ha commentato lo spagnolo della Ferrari, al termine della gara in Arabia Saudita. “Sono stato super debole in qualifica e in gara. E sapevo esattamente cosa aspettarmi dall’auto e cosa mi stava dando. Cento giorni dopo, torno indietro e nelle curve dove l’anno scorso ero molto forte, quest’anno mi sembra di faticare un po’ di più e non sto guidando la macchina come dovrebbe essere, insieme alla macchina che non mi dà esattamente la sensazione di cui ho bisogno per la mia guida, questa combinazione di cose è ciò su cui sto lavorando questa settimana.

Sainz sulla sua ferrari

Sainz ha poi proseguito riflettendo sui passi avanti compiuti e quelli ancora da fare. “Penso di aver fatto un passo avanti e di aver fatto un passo nella giusta direzione per la gara. Ma devo dire che mi ha anche dato la consapevolezza del tipo di curva a due o tre, i due o tre posti, dove l’anno scorso mi sentivo così sicuro e a mio agio e quest’anno non lo sono stato. Mi ha fornito buoni punti dati su cui lavorare per diventare più forte per il futuro.”

+ posts