Yuki Tsunoda ritiene di essersi calmato.

Yuki Tsunoda ritiene di essersi calmato.

30 Aprile 2022 0 Di Simone Vomiero

Dopo una stagione da rookie caratterizzata da incidenti e team radio coloriti, Yuki Tsunoda ritiene ora di essersi calmato.

Yuki Tsunoda, famoso per i suoi team radio abbastanza aggressivi, ritiene che quest’anno il suo carattere sia cambiato. Questo suo modo di fare faceva sì che le informazioni che scambiava con il suo ingegnere fossero imprecise. Al tempo Franz Tost dichiarò che avrebbe chiesto al pilota giapponese di calmarsi, visto che così facendo l’atmosfera all’interno dei team era molto tesa. Sempre durante la stagione da rookie Tsunoda fu protagonista di molti incidenti, ma ora il giapponese sembra essere in grado di gestire la rabbia, tendendo a commettere meno errori.

Dopo una stagione da rookie caratterizzata da incidenti e team radio coloriti, Yuki Tsunoda ritiene ora di essersi calmato.

Il pilota nipponico ha terminato a punti due delle tre gare a cui ha partecipato, visto che a Jeddah un problema meccanico non gli ha consentito di prendere il via del Gp. Tsunoda ha concluso 7° a Imola, pista in cui subì un incidente un anno fa. Il ragazzo crede che questo sia un segno della sua evoluzione. “Rispetto all’anno scorso sono molto più tranquillo” ha dichiarato Tsunoda. “L’anno scorso ero sempre al limite, non mi controllavo, e così facendo spesso andavo a sbattere”. “Ma in realtà questo mi ha fatto migliorare. È stato un buon apprendimento come pilota. Ero come in un loop e non riuscivo a controllarmi, ma ora ne sono uscito e i risultati si vedono”. “Rispetto all’anno scorso ho molto più controllo, soprattutto sul passo gara” ha proseguito Tsunoda. Questo cambio d’approccio si nota anche nei team radio, dato che ora suonano molto più calmi rispetto all’anno scorso. “Riguardo la radio, sto ancora urlando, ma non sto semplicemente premendo il bottone per parlare”. ,”Questo è un altro passo avanti rispetto all’anno scorso, cerco di restare più calmo. Non c’è motivo di gridare in radio”. “È decisamente meglio comunicare le informazioni con una voce calma, senza gridare” ha concluso Tsunoda.

+ posts