Audi, dal 2026 una nuova Auto Union?

Audi, dal 2026 una nuova Auto Union?

27 Agosto 2022 0 Di ilcontadinorampante

Nella giornata di ieri è arrivato l’annuncio ufficiale di quanto già da diversi mesi si vociferava, nel 2026 Audi entrerà per la prima volta in Formula 1.

Lo farà rilevando il 75% della Sauber (da fine 2023 Alfa Romeo non sarà più partner della scuderia elvetica),mantenendo il polo tecnologico attuale come sede produttiva dei telai, mentre i motori, come orgogliosamente e un po’ provocatoriamente sottolineato nel comunicato ufficiale della stessa Audi, saranno prodotti in Germania, a differenza di quelli Mercedes, che vedono la luce a Brixworth, in Gran Bretagna. 

Ogni qual volta che una vettura proveniente da Ingolstadt si è affacciata al mondo delle competizioni lo ha fatto nella maniera migliore. Ne sono un esempio la Audi quattro, prima vettura dotata di trazione integrale permanente a portare la corona d’alloro rally, o la R10 TDI, la prima automobile spinta da un motore diesel in grado di vincere a Le Mans.

Nella giornata di ieri è arrivato l'annuncio ufficiale di quanto già da diversi mesi si vociferava, nel 2026 Audi entrerà per la prima volta in Formula 1.

L’esordio della prima vettura da F1 marchiata con i quattro anelli, avverrà in concomitanza dell’entrata in vigore del nuovo regolamento sulle power unit, il quale limiterà la parte endotermica a generare non più del 50% della potenza totale mettendo così in risalto la parte ibrida. Aspetto non indifferente per il marchio del gruppo Volkswagen, il quale dopo aver esordito e vinto in Formula E ed aver partecipato alla Dakar 2022 con una vettura ibrida, punterà a sfruttare ed implementare le proprie conoscenze nella più grande vetrina che il motorsport possa offrire.

Così come alla comparsa delle power unit la Mercedes poté usufruire di tutto il know how sui motori ibridi derivante dalle esperienze di una realtà tanto solida quale la Daimler, lo stesso potrà fare Audi con i nuovi motori che esordiranno tra quattro stagioni, mostrando in Formula 1 le proprie migliori qualità.

L’arrivo di Audi, con il colosso industriale che sta dietro al marchio tedesco, riporta agli anni Trenta, quando l’Auto Union, antenata dell’attuale casa automobilistica, portò per la prima volta i quattro anelli su delle vetture da Gran Premio, mostrando al mondo cosa sapesse produrre l’industria teutonica, impressionando e vincendo con soluzioni innovative e tecnicamente avanzate. 

Il livello tecnico e agonistico della F1, come sempre elevatissimo, non potrà che giovare dell’arrivo di un nuovo costruttore di questa caratura, sicuri che non sarà solo una comparsa…

+ posts