Seidl spiega perché ha scelto la Sauber

Seidl spiega perché ha scelto la Sauber

13 Dicembre 2022 0 Di Daniele Donzelli

Andreas Seidl è diventato il nuovo CEO Sauber, dopo aver lasciato proprio nella giornata di oggi la McLaren. Ecco i motivi della sua scelta.

Oggi, 13 dicembre 2022, è un giorno particolare per il mondo della Formula 1. Infatti, sono stati annunciati ufficialmente ben 3 nuovi team principal all’interno delle 10 scuderie. La novità più interessante è sicuramente quella che riguarda Vasseur, scelto come sostituto di Binotto alla guida della Ferrari. Gli altri cambiamenti riguardano la McLaren, nello specifico Seidl e Andrea Stella. Il primo ha lasciato la scuderia di Woking per diventare CEO della Sauber, mentre il secondo ha preso il suo posto.

La scelta del tedesco, per quanto già premeditata, resta sorprendente. Nonostante abbia già lavorato a Hinwil in passato, Seidl lascia un team storico e in crescita per lanciarsi in un’avventura tutta nuova, con una scuderia da risollevare dopo un finale di 2022 non eccezionale. Il nuovo CEO ha spiegato le sue ragioni nelle dichiarazioni riportate da formulapassion.it, soffermandosi sulle grandi ambizioni della sua nuova casa.

Andreas Seidl è diventato il nuovo CEO Sauber, dopo aver lasciato proprio nella giornata di oggi la McLaren. Ecco i motivi della sua scelta.

“È fantastico entrare a far parte del Gruppo Sauber a partire da gennaio. Questa squadra ha una lunga storia in Formula 1 e un’organizzazione che conosco molto bene dato che ho lavorato e vissuto a Hinwil per quattro anni. Non vedo l’ora di unirmi agli altri e lavorare con tutti i colleghi del Gruppo Sauber sugli obiettivi ambiziosi che ci siamo prefissati insieme” ha detto. “Ringrazio Finn Rausing e tutto il Gruppo Sauber per avermi scelto: non vedo l’ora di ripagare la loro fiducia”.

Il patron della Sauber Finn Rausing ha accolto Seidl con le seguenti parole, complimentandosi con lui e augurandogli, ovviamente, il meglio.

È un immenso piacere dare il bentornato ad Andreas Seidl a Hinwil come CEO del Gruppo Sauber. L’esperienza di Andreas non è seconda a nessuno e porta al Gruppo Sauber una chiara visione di ciò che è necessario per raggiungere un successo duraturo. Rileva un’azienda in crescita e condivide il nostro impegno a far sviluppare ulteriormente la nostra organizzazione: non vedo l’ora di vivere molti anni di successi insieme” ha dichiarato.

Non resta che aspettare qualche mese per vedere Seidl all’opera, sicuramente con un occhio puntato al 2026, momento in cui entrerà in gioco anche Audi.

+ posts