Il possibile futuro di Lando Norris: in Audi con Seidl?

Il possibile futuro di Lando Norris: in Audi con Seidl?

14 Dicembre 2022 0 Di Davide Citterio

Una delle priorità del nuovo incarico di Seidl, CEO della Sauber, è trovare un giovane pilota per il 2026, quando in F1 subentrerà Audi.

Il motivo che potrebbe aver spinto Andreas Seidl a diventare il nuovo CEO della Sauber potrebbe essere la possibilità plasmare il progetto del 2026. Difatti, in quell’anno entrerà in vigore il nuovo cambio di regolamento e Audi entrerà nel Circus. Questa scelta, però, comporta diverse difficili questioni da risolvere: la scelta di un nuovo team principal e la ricerca di un pilota giovane su cui puntare dal 2026 in poi.

Il post con cui la F1 annuncia il nuovo incarico di Seidl

Il possibile approdo di Lando

Il pilota in questione potrebbe essere Lando Norris: classe 1999 e attualmente primo pilota della McLaren. Il 23enne rappresenta il candidato più papabile: ha un contratto fino al 2025, quindi presto andrà in scadenza; lui e Seidl si conoscono già assai bene; sta acquisendo una buona dose di esperienza; sta dimostrando il suo grande potenziale e – cosa più importante- la McLaren, al momento, non può garantire degli ottimi risultati in vista del futuro. Dal canto suo, Audi ha un potenziale pazzesco, così come quello del giovane di Bristol, e delle ambizioni stellari. Inoltre, Lando è stimato molto da Seidl, come ha rimarcato Andreas nell’intervista del finale di stagione.

Lando Norris e Andreas Seidl festeggiano abbracciati.
Lando Norris e Andreas Seidl festeggiano abbracciati.

“Se guardi alla prestazione di Lando quest’anno, questa è un’altra conferma che ha tutto ciò di cui ha bisogno per essere uno dei migliori in questo paddock. Quello che vedo quando guardo la prestazione di Lando quest’anno è che ha fatto un altro passo avanti in termini di costanza nelle qualifiche, nelle gare. Difficilmente vediamo errori da parte sua in qualifica, in gara” ha dichiarato Seidl a The Race.

“Un altro passo in avanti che vedo riguarda il modo in cui si avvicina ai weekend di gara insieme al suo team di ingegneri, come legge le gare per ottimizzare il risultato insieme ai suoi ingegneri e come comunica”.

Però non è comunque da escludere che la scuderia di Woking possa fare dei passi in avanti nei anni. Tuttavia, Norris è tutt’ora frustrato di dover guidare una vettura peggiore di quella dello scorso anno. Nel 2021, infatti, il classe ’99 si è tolto diverse soddisfazioni: è salito su diversi podi; ha ottenuto la sua prima pole position e ha anche sfiorato la prima vittoria in F1 in ben due occasioni: a Sochi e a Monza.

Insomma, per diversi fattori l’approdo di Norris è più che un semplice sogno per Audi. Compiere uno sforzo, anche monetario, ne varrebbe davvero la pena, soprattutto se si vuole combattere contro i migliori team della griglia.

E voi, chi vedreste bene in Audi nel 2026?

+ posts