F1 | Shootout Qualifying GP Azerbaijan: comanda Leclerc

F1 | Shootout Qualifying GP Azerbaijan: comanda Leclerc

29 Aprile 2023 0 Di Ivan Mancini

Charles Leclerc primeggia nuovamente tra le curve del circuito azero e conquista la prima Pole Position nel nuovo format delle Qualifiche Shootout. Grande opportunità per il pilota monegasco, che partirà dalla prima posizione nella Sprint Race del pomeriggio.
 

Pre-qualifica

L’unica novità degna di rilievo in questo pre-qualifica è l’assenza di due piloti nel Q3, Yuki Tsunoda e Lando Norris. L’inglese e il giapponese non dispongono di un nuovo treno di gomme soft necesarie per l’accesso all’ultima manche delle Qualifiche Shootout e, pertanto, non potranno qualificarsi in una posizione migliore della nona piazza.

 

SQ1

Come da regolamento, il SQ1 di questo nuovo format avrà una durata di 12 minuti e sarà caratterizzato dall’utilizzo della sola mescola media. A dettare il passo è ancora una volta Charles Leclerc, con un tempo di 1:433372, a conferma della rinnovata sintonia che vige tra il monegasco e la sua Ferrari SF-23. Seguono Hamilton e Verstappen, a poco meno di due decimi dal ferrarista, mentre la quarta e la quinta posizione sono insolitamente occupate dalle Williams di Albon (+0.615s) e Sargeant (+0.670). Diversi piloti lamentano una generale mancanza di grip sull’asfalto azero e, non a caso, sono due le bandiere gialle esposte nella prima manche delle qualifiche, tutte rientrate senza particolari problemi. In ordine cronologico, tali impedimenti sono imputabili ad Oscar Piastri e a Nyck De Vries.

La sessione termina con 25 secondi di anticipo in seguito alla bandiera rossa innescata dall’incidente di Logan Sargeant. Il pilota statunitense urta un muro a bordopista e rovina non solo la sua Williams, ma anche le qualifiche di diversi piloti che, proprio in quel momento, stavano concludendo il proprio giro lanciato. I primi cinque esclusi sono pertanto Zhou, Bottas, Tsunoda, Gasly e De Vries, traditi dal tempismo della bandiera rossa. Sfortuna per Gasly che, oltre alla bandiera rossa, è stato artefice di una prestazione sottotono in seguito ad un problema all’impianto di scarico.

Incidente Sargeant Baku GP Azerbaijan Qualifiche Shootout
L’incidente di Logan Sargeant.

 

SQ2

Al ripristino delle barriere TecPro danneggiate segue l’inizio della seconda manche delle Qualifiche Shootout, caratterizzate da una durata minore del SQ1 (10 minuti) e dall’utilizzo della sola gomma media. Semaforo verde in pit lane e le vetture sono nuovamente in pista, impegnate a conquistare un tempo utile. Il primo tempo interessante lo fa registrare il campione del mondo in carica, Max Verstappen, con un crono di 1:42.417. Bene anche Leclerc, ad 83 millesimi dall’olandese, mentre Pérez è distante oltre mezzo secondo dal gruppo di testa.

Sessione ancora una volta interrotta da frequenti bandiere gialle, fortunatamente senza particolari conseguenze. La prima è innescata da Nico Hulkenberg, che va lungo alla staccata di curva 7 e per un soffio non distrugge l’ala anteriore della propria Haas contro le barriere del circuito. La seconda bandiera gialla è invece causata da Sainz, che va lungo in curva 15 pur riuscendo a preservare la vettura. Il pilota spagnolo, a 4 minuti dal termine del SQ2, ha ancora la possibilità di far registrare un tempo utile e strappare un biglietto per l’accesso al SQ3, contando sul valido aiuto offerto dalla scia di un Leclerc di rientro ai box.

Non si registrano altri particolari episodi e la seconda manche delle Qualifiche Shootout si conclude con l’eliminazione di Piastri, Hulkenberg, Ocon, Magnussen e Sargeant. Lotta fraticida tra i due piloti McLaren, dal momento che la decima posizione conquistata da Norris esclude la partecipazione di Piastri al SQ3, nonostante l’australiano disponesse del treno di gomme rosse necessario per la partecipazione alla terza manche.

 

SQ3

La terza ed ultima manche delle Qualifiche Shootout è contraddistinta dall’utilizzo della gomma soft e da una durata minore, appena 8 minuti in cui i piloti dovranno dare il meglio di sé per conquistare l’ambita prima posizione.

Le due Red Bull di Max Verstappen e Sergio Pérez sono le prime a scendere in pista. Il pilota messicano fa registrare un buon tempo (1:41.8), mentre il compagno di squadra è più impreciso nel settore centrale e non si spinge oltre l’1:42.140. Il miglior tempo riesce però ad aggiudicarselo Charles Leclerc, che nel ptimo tentativo congela le lancette del cronometro sul 1:41.697. La Pole Position provvisoria si trasforma però in definitiva in seguito all’incidente del pilota monegasco, che nel secondo giro lanciato perde il posteriore della propria SF-23, urta le barriere di curva 5 e distrugge l’anteriore.

Leclerc incidente Baku GP Azerbaijan 2023 Qualifiche Shootout
L’incidente di Leclerc nel secondo giro lanciato.

La seguente bandiera gialla impedisce ai vari piloti di migliorarsi e quindi Charles Leclerc, per la seconda volta in meno di 24 ore, si impone tra le curve ed i rettilinei di Baku e conquista la Pole Position per la Sprint Race del pomeriggio. Pronte le scuse verso Sainz (quinto, ha dovuto alzare il piede per via delle bandiere gialle) e verso i meccanici della squadra, che dovranno lavorare sulla monoposto in vista dell’impegno pomeridiano. Sergio Pérez e Max Verstappen non vanno oltre la seconda e terza posizione, entrambi pagano per un giro poco pulito nel primo tentativo, mentre George Russell è quarto. Sesto Hamilton, in terza fila con Sainz, mentre Albon è autore di una convincente settima piazza, a conferma della bontà delle Williams in terra azera. Più distaccati Alonso e Stroll, nuovamente penalizzati dal DRS guasto delle proprie Aston Martin, che terminano davanti al solo Norris.

Di seguito l’ordine di arrivo delle Qualifiche Shootout del GP d’Azerbaijan, Tempi e classifica forniti da www.formula1.com.

+ posts