WRC | Possibile il ritorno di Subaru! Ecco le parole di Ben Sulayem

WRC | Possibile il ritorno di Subaru! Ecco le parole di Ben Sulayem

8 Settembre 2023 0 Di Sebastiano Vanzetta

Cominciano a girare delle voci che danno il ritorno di Subaru sul palcoscenico più importante del panorama rally. Chi lo dice? Ben Sulayem!

Non c’è nulla da fare: il nome Subaru rimanda inevitabilmente al mondiale rally e alle gesta di piloti come il leggendario Colin McRae, Richard Burns e Petter Solberg. La casa di Ebisu, a partire dagli anni ’90 e fino al 2008, ha calcato il palcoscenico del mondiale rally, vincendo tre titoli piloti con i tre piloti menzionati prima ed entrando nei cuori di tutti gli appassionati con la Impreza, da sognare rigorosamente blu con i cerchi oro.

A fine 2008, però, la crisi sia finanziaria che di risultati ha decretato l’uscita di scena della casa giapponese dai rally mondiali, lasciando un vuoto che ancora i fan di questa disciplina non sono riusciti a colmare. Dopo 15, però, si è ricominciato a parlare di Subaru e di un possibile ritorno nel mondiale. E a dirlo è stato niente meno che Mohammed Ben Sulayem, il Presidente della FIA.

Si comincia a ragionare

Subaru, nonostante l’uscita dal mondiale, è comunque rimasta attiva soprattutto in America attraverso il Subaru Motorsports USA Programme, il programma rally della marca negli Stati Uniti, dove i giapponesi competono nell’American Rally Association. Di recente, è stata anche sviluppata una nuova vettura per le competizioni di rally americane.

Questa voglia di rally e la volontà da parte della FIA di portare nuovi costruttori ad impegnarsi nel WRC, data la penuria di case che investono nel rally e la situazione in cui versa il mondiale, soprattutto lato Rally1, hanno portato Ben Sulayem ad intavolare i primi discorsi per riportare Subaru nell’elite del rally.

Queste prime trattative hanno avuto come mediatore il chairman di Toyota, Akio Toyoda, supporter sfegatato del WRC che sta cercando assieme alla Federazione Internazionale e al promoter del mondiale di attrarre nuove case. In più, Toyoda possiede delle azioni di Subaru, fattore che può fare leva.

Il chairman di Toyota, Akio Toyoda

Non è un segreto che io abbia avuto dei buoni meeting con Akio Toyoda” ha detto Ben Sulayem. “Gli ho chiesto cosa si possa fare per attrarre nuove case e, da appassionato, ha menzionato Subaru. Loro [Toyota] possiedono azioni di Subaru e hanno intenzione di supportare un’eventuale entrata di questo costruttore. Penso che, quando qualcuno come lui parla, lo faccia con sicurezza”.

Quando?

L’entrata di Subaru, in ogni caso, non vedrebbe probabilmente la luce prima del 2027. È questo l’anno in cui entreranno in vigore i nuovi regolamenti tecnici sui cui FIA, team e promoter stanno ampiamente discutendo. E proprio il 2027, con gerarchie tecniche nuove e tutte da definire, sarebbe l’anno perfetto per l’entrata di uno o più nuovi costruttori.

L’ostacolo principale, per Subaru, è secondo Ben Sulayem il motore, dal momento che la casa non dispone di un’unità che attualmente sia in linea con i regolamenti tecnici del WRC. Lo stesso presidente della FIA ha però suggerito, in questo senso, che proprio Toyota potrebbe dare una mano ai compagni giapponesi.

Ci sono segnali positivi da parte del chairman di Toyota nel convincere Subaru a tornare e nel fornire il motore, perché il problema di Subaru è proprio il motore. Non è un fatto di vettura, ma del motore che hanno. Ma vedo segni di ottimismo in questo senso, lo dico veramente” ha chiosato Ben Sulayem.

Il dado, quindi, appare tratto. Solo i prossimi mesi ci diranno di più su questo possibile ritorno che, nel caso dovesse concretizzarsi, potrebbe veramente dare il via all’entrata nel WRC di tanti nuovi costruttori.

Seguici sui social!

Sei un grande appassionato del WRC o della Formula 1? Vuoi seguire tutte le news? Bene! Seguici sui nostri canali Instagram e Telegram! Mi raccomando, se ritieni interessanti i nostri articoli, condividili con chi vuoi. Buon proseguimento di lettura sul nostro sito!

+ posts