Quante possibilità hanno Norris e la McLaren di vincere con l’asciutto?

Quante possibilità hanno Norris e la McLaren di vincere con l’asciutto?

25 Settembre 2021 0 Di Nicola Cobucci

Andreas Seidl, capo del team McLaren, ritiene che le Mercedes, in condizioni di asciutto, siano di gran lunga superiori agli altri rivali in Russia. Per questo crede che sarà difficile tenere Lewis Hamilton dietro al suo Lando Norris, che partirà dalla pole.

Sembra che la buona prestazione della McLaren a Monza non sia stata solo un fuoco di paglia, perché nel Gran Premio di Russia i ragazzi di Woking hanno ripetuto l’impresa, questa volta in qualifica. Sul bagnato, Lando Norris ha conquistato la sua prima Pole in Formula 1, la prima per il team britannico dal GP del Brasile 2012.

Tuttavia, resta da vedere quali saranno le condizioni meteorologiche per la gara di domani, poiché c’è un’alta probabilità di pioggia. Dalla McLaren preferiscono le condizioni bagnate, in quanto hanno assicurato che il ritmo sull’asciutto della Mercedes sia di un altro pianeta, quindi sarebbe particolarmente difficile tenere dietro Hamilton, che partirà dalla quarta posizione.

Quante possibilità hanno Norris e la McLaren di vincere con l'asciutto? Andreas Seidl, capo del team McLaren, ritiene che le Mercedes, in...

“Quello che possiamo tirar fuori dalla giornata di ieri è che la Mercedes, sull’asciutto, è di un altro pianeta. È un circuito in cui storicamente sono abbastanza forti e lo hanno dimostrato anche venerdì, quindi penso che sarà molto difficile mantenere Lewis dietro”, ha spiegato Andreas Seidl ai media.

Tuttavia, l’ingegnere tedesco è fiducioso che la squadra possa fare bene, poiché ha fiducia nel capitale umano che la compone. Inoltre, il Gran Premio è preceduto dalla recente vittoria del Gran Premio d’Italia, che li spinge e li motiva nel ripetersi.

“Abbiamo già visto nelle gare precedenti che se parti davanti hai sempre la possibilità di ottenere qualcosa di grande e vogliamo riprovarci domani. Abbiamo una squadra forte in termini di esecuzione delle gare, strategia, soste,… e abbiamo due piloti forti”, ha concluso Seidl.

+ posts