Helmut Marko: “Prima Mercedes utilizzava i motori in modalità crociera”

Helmut Marko: “Prima Mercedes utilizzava i motori in modalità crociera”

6 Ottobre 2021 1 Di Sebastiano Vanzetta

Il consigliere della Red Bull Helmut Marko pare essere convinto che la difficoltà riscontrate dalla Mercedes in termini di affidabilità delle loro power unit sia da imputare alla necessità di spingere al massimo.

Mancano poche gare alla conclusione di quest’entusiasmante campionato di F1 che vede la lotta serratissima tra Lewis Hamilton e Max Verstappen per la conquista del titolo. Una lotta che non si limita alle battaglie in pista, come quelle di Silverstone o Monza, ma anche alla battaglia di parole tra Toto Wolff e Christian Horner e la battaglia sul piano dell’affidabilità delle monoposto di Mercedes e Red Bull.

Verstappen ha già sostituito la sua power unit a Sochi, montando la quarta unità e prendendo penalità, salvo poi concludere 2°. Hamilton, invece, ancora non ha sostituito il proprio propulsore, anche se pare abbastanza scontato che da qui alla fine della stagione dovrà sostituirlo e scontare anche lui la penalità partendo dal fondo della griglia. L’inglese ha già montato tre motori, di cui uno inutilizzabile e gli altri due al limite del chilometraggio, con 4.000 km ciascuno. Una variabile che può segnare il campionato.

Hamilton e Verstappen in lotta durante il GP di Imola

Il compagno di squadra di Lewis, Valtteri Bottas, ha già sostituito la sua power unit sia a Monza sia a Sochi. Il finlandese infatti ha montato la quarta unità in terra italiana, scontando penalità e partendo dal fondo della griglia. In Russia, però, il buon Valtteri ha dovuto sostituire di nuovo il propulsore per alcune gravi anomalie (a detta di Toto Wolff) riscontrate nelle prove libere.

Una mossa che solleva dei dubbi sulla vera affidabilità delle frecce nere. Tra chi, infatti, dubita che le W12 siano affidabili in termini di motore, c’è anche Helmut Marko. Il consigliere della Red Bull ha dichiarato che secondo lui “In Mercedes hanno sempre utilizzato le power unit con facilità. Erano abituati ad usare la potenza massima per i primi giri e poi andavano in modalità crociera, se così si può dire. Questo però non gli è più possibile“. Una Mercedes, che quindi sembra stia cominciando a cedere, motoristicamente, sotto i colpi della Red Bull-Honda. “Ora non possono più fare così. Sono costretti a guidare più spesso ad una modalità di spinta più alta, e ciò fa nascere dei problemi” ha concluso poi Marko.

+ posts