Nuove PU in Messico: penalità sicura per Ocon, tremano Hamilton e Norris

Nuove PU in Messico: penalità sicura per Ocon, tremano Hamilton e Norris

4 Novembre 2021 0 Di Ivan Mancini

Anche Stroll è costretto a cambiare unità motrice (la quarta), mentre Hamilton e Norris potrebbero rimandare l’appuntamento con la penalità.
 

In un mondiale combattuto come quello che stiamo vivendo, le penalità dovute al cambio della PU o di alcuni suoi componenti potrebbero essere il vero ago della bilancia di questa lotta. Nell’apuntamento in terra texana ben tre piloti (Vettel, Russell e Alonso) sono partiti dal fondo dello schieramento in seguito al cambio della PU; “solo” nono Bottas in seguito alla sostituzione del sesto motore endotermico stagionale. In Messico potrebbe verificarsi una situazione analoga, con altri piloti pronti a mettersi al riparo dai problemi di affidabilità per l’ultimo stint della stagione.

 

Penalità sicura per Ocon e Stroll

Con buona proabilità, Ocon e Stroll metteranno le ruote sull’asfalto messicano consapevoli di dover subire una pesante penalità dovuta alla sostituzione dell’intera unità motrice. I due seguiranno i relativi compagni di squadra che, appena due settimane fa, avevano subito le stesse penalità.

Ocon e Stroll: i due partiranno in ultima fila nel GP del Messico a causa della sostituzione della PU

 

Hamilton e Norris rischiano

Ma le novità non si limitano ai team di medio-bassa classifica. Anche Norris e Hamilton potrebbero essere costretti alla sostituzione di alcuni componenti della Power Unit; un duro colpo per le due scuderie, McLaren e Mercedes, relativamente impegnate nella lotta contro Ferrari e Red Bull. Per Norris si tratterebbe della quarta unità motrice stagionale, la quale costringerebbe il britannico a dover mettere in atto un’importante rimonta per non vanificare l’esiguo margine di vantaggio sulla Ferrari (appena 3.5 punti).

Per Hamilton, invece, si tratterebbe di una misura precauzionale. In casa Mercedes si hanno molti dubbi circa la nuova unità endotermica tedesca e la sostituzione del sesto ICE per Bottas sembra confermare i sospetti. In una pista che mette a dura prova i motori – e in cui Red Bull ha sempre dimostrato una certa competitività – i tedeschi potrebbero ricorrere ad una sostituzione strategica per evitare un DNF a causa di problemi tecnici. Una mossa preventiva per limitare eventuali danni e per non far allontanare Verstappen nella classifica piloti, primo con 12 misure di vantaggio. Da ricordare che Hamilton ha già scontato penalità in seguito al cambio della sola unità endotermica.

Hamilton e Verstappen, i due contendenti al titolo per la stagione 2021
+ posts