Porsche valuta seriamente l’impegno in una F1 altamente elettrificata

Porsche valuta seriamente l’impegno in una F1 altamente elettrificata

4 Novembre 2021 0 Di Sebastiano Vanzetta

Thomas Laudenbach, il nuovo responsabile motorsport di Porsche, ha di recente dichiarato che la casa tedesca sta valutando di entrare in F1 come motorista, ma solo a certe condizioni.

È già da qualche tempo, e non è un segreto, che Porsche si è affacciata sul palcoscenico dei motoristi della F1. Il marchio tedesco, infatti, sotto spinta del Gruppo Volkswagen, sta sondando il terreno in vista del cambio di regolamento delle power unit previsto per il 2025. Un cambiamento importante che, oltre a nuovi motori, potrebbe portare appunto nuovi motoristi sulla scena della massima serie del motorsport.

La conferma di questo interesse è arrivata dal nuovo responsabile dell’area motorsport di Porsche Thomas Laudenbach, che ha recentemente rimpiazzato Fritz Enzinger. Stiamo valutando seriamente la cosa all’interno del Gruppo (Volkswagen, ndr). Non è un segreto che stiamo parlando con la FIA e non è un segreto che stiamo, se così si può dire, considerando seriamente lo scenario” ha detto il tedesco al giornale Stuttgarter Zeitung. “Non è stata presa, però, alcuna decisione” ha ribadito Laudenbach.

Thomas Laudenbach, responsabile motorsport di Porsche

C’è dunque una possibilità, molto concreta, che Porsche torni in F1 dopo l’esperienza con McLaren negli anni ’80, rivelatasi vincente. Come sappiamo, il costruttore tedesco è molto concentrato sull’elettrificazione del mercato dell’automobile, così come quella del motorsport. Infatti, essa è una condizione molto importante, affinché la casa di Stoccarda entri di nuovo nel circus.

“Guardando al futuro e a ciò che i costruttori stanno annunciando, relativamente alla quota di elettriche che vogliono vendere, per la F1 un passaggio all’elettrificazione è molto importante. Chiaramente non si può avere un tale format con una vettura completamente elettrica, lo sanno tutti. Ma deve esserci una prevalenza molto grande della componente elettrica del powertrain ha puntualizzato Laudenbach.

Altro aspetto molto importante, per Porsche, è l’azzeramento (o quasi) tecnico. Un punto sul quale i tedeschi non transigono e che pongono come condizione per entrare in F1. “Se vuoi iniziare non ha molto senso partite con regolamenti esistenti, che gli altri hanno utilizzato per anni. Ti troveresti a dover rincorrere di continuo ha proseguito il responsabile motorsport, che ha concluso dicendo: “Una cosa è chiara, se va presa una decisione di impegno in Formula 1 non si può aspettare troppo a lungo. Devi iniziare entro un certo tempo limite se vuoi correre nel 2025, è questo il punto in cui siamo. La F1, rispetto ad altre categorie è estremamente valida sotto il punto di vista dell’investimento pubblicitario, su questo non si discute”.

Porsche dunque, ha scoperto le carte. In caso di ulteriore elettrificazione della F1, non sarà solo una fantasia vederla ai nastri di partenza nel 2025, magari in collaborazione con Red Bull. I tedeschi hanno fatto la loro mossa, adesso starà alla FIA avviare la discussione sulle prossime power unit.

+ posts