Gasly: “Merito una macchina competitiva”

Gasly: “Merito una macchina competitiva”

7 Marzo 2022 0 Di Giosuè Vitiello

Pierre Gasly ha ammesso che la sua avventura in Formula 1 potrebbe essere lontana dalla famiglia Red Bull.

Una delle migliori rivelazioni del 2021 è stata l’Alpha Tauri di Pierre Gasly. Dopo un inizio in salita del team di Faenza la differenza tra il francese e Tsunoda è emersa chiaramente: da una parte un ragazzo inesperto, spesso nervoso con una macchina che raramente si adattava al suo stile, dall’altro un pilota costante, quasi sempre a punti e spesso in top 5. Il francese ha però dichiarato che il suo futuro potrebbe essere lontano dalla famiglia Red Bull. Il suo contratto scade nel 2024 ed Helmut Marko gli ha già fatto capire che non è sua intenzione rinnovargli il contratto.

Pierre Gasly ha ammesso che la sua avventura in Formula 1 potrebbe essere lontana dalla famiglia RedBull.

Helmut l’ha già detto, quindi non è più un segreto che mi resta un anno di contratto dopo quest’anno. Poi è chiaro: o facciamo il passaggio alla Red Bull, o no. Quello che succede dopo, è troppo presto per parlarne. Ora mi sto concentrando su quest’anno, che vada il più bene possibile. Ma è chiaro che voglio essere in una macchina veloce con cui posso lottare per le vittorie. Questa è l’unica cosa che conta per me. Voglio vincere le gare in Formula 1 e ho bisogno di una macchina che mi permetta di farlo. Ne discuteremo con Helmut quando sarà il momento. Sono molto contento delle persone che ho intorno a me ora. Sono molto contento dei miei ingegneri, del modo in cui funzioniamo come squadra e delle responsabilità che ho all’interno del team. Mi sento bene con me stesso. So che sto affrontando un anno importante nella mia carriera quando si tratta di fare il prossimo passo. L’anno scorso è stato fantastico e quest’anno spero di fare almeno lo stesso, se non di più. Voglio portare questa squadra il più avanti possibile sulla griglia di partenza. Questo è il mio obiettivo personale

Website | + posts