Domenicali: “La priorità non è avere più team ma più piste”

Domenicali: “La priorità non è avere più team ma più piste”

24 Marzo 2022 0 Di corradopiogreggio

“C’è il margine per arrivare anche a 30 gare, non solo potremmo tornare a Las Vegas, vogliamo tornare anche in Africa”


L’emiliano ex Team Principal della Ferrari, dopo la gara del Bahrain, si è espresso su alcuni temi caldi della Formula 1, lasciandoci alcuni spunti interessanti: “Dobbiamo essere equilibrati, dobbiamo vedere quali sono le opportunità, molto presto diremo a tutti qual è la nostra strategia per sviluppare la Formula 1″. Domenicali ha citato l’Africa come un potenziale mercato in cui crescere. Il circuito sudafricano di Kyalami ha ospitato l’ultima gara nel 1993 ed è stato proposto come opzione. “Presto in Africa”, ha dichiarato Domenicali. “C’è molto interesse lì. Di sicuro questa è un’altra area che finora manca nella geografia del nostro calendario”.

“C’è il margine per arrivare anche a 30 gare, non solo potremmo tornare a Las Vegas, vogliamo tornare anche in Africa”


Ha poi continuato dicendo: “Ci sono alcuni promotori che hanno accordi in scadenza e probabilmente alcuni degli attuali Gran Premi non faranno più parte del calendario” dopo questa affermazione gli è stato chiesto se verrà raggiunto l’attuale limite di 24 GP, imposto fino al 2025 dal Patto della Concordia, e la sua risposta è stata molto chiara: “Penso che ci sia il potenziale per arrivare a 24, direi che c’è il potenziale per arrivare addirittura a 30, in termini di interesse che vediamo per i vari circuiti candidati o in discussione. Sta a noi cercare di trovare il giusto equilibrio considerando quali sono le aree geografiche che vogliamo coprire con le gare di F1, e ci sono dei valori storici che dobbiamo tenere in conto quando stiliamo il calendario”.

“C’è il margine per arrivare anche a 30 gare, non solo potremmo tornare a Las Vegas, vogliamo tornare anche in Africa”


Ha poi risposto anche alle domande su possibili nuovi team, quando gli è stata posta la quesiti in merito all’interesse di Michael Andretti: “Non c’è solo Michael Andretti, è forse quello di cui si vocifera di più, ma abbiamo più di quattro o cinque richieste per entrare a far parte della Formula 1”. È stato però molto chiaro nel dire che secondo lui non è la strada da percorrere: “Devo essere molto onesto, oggi la F1 con 10 squadre, con la concorrenza in pista, è molto, molto solida”, Domenicali ha poi aggiunto: “Ci sono delle complessità che devono essere considerate se si vogliono aggiungere altre squadre. A dire il vero non credo sia l’elemento più importante per far crescere la F1”.

“C’è il margine per arrivare anche a 30 gare, non solo potremmo tornare a Las Vegas, vogliamo tornare anche in Africa”


Che dire l’ex Team Principal, ai tempi del duo Alonso-Massa, ha sicuramente creato sgomento con queste affermazioni che lasciano tutti un po’ interdetti: un numero di piste probabilmente sproposito per il lavoro dei team e il non interesse nel rimpinguare una griglia che negli ultimi 10 anni si è sempre più svuotata.

+ posts