Come Leclerc può battere Verstappen secondo Eddie Irvine.

Come Leclerc può battere Verstappen secondo Eddie Irvine.

17 Aprile 2022 0 Di Simone Vomiero

Eddie Irvine crede che in Ferrari sia necessario stabilire delle gerarchie, in modo da facilitare la lotta al titolo per Leclerc.

Eddie Irvine, pilota Ferrari dal 1996 al 1999, sostiene che quest’anno il team di Maranello debba usare precisi ordini di scuderia per far si che Charles Leclerc possa battere Max Verstappen. Ad ora il monegasco ha 46 punti di vantaggio sull’olandese e 38 sul compagno di squadra Carlos Sainz. Per leclerc a Imola si potrebbe presentare l’occasione di raggiungere il maggior distacco rispetto al secondo in campionato dopo quattro gare nella storia della Formula 1. Ma nonostante manchino 20 gare alla fine del campionato, Irvine sostiene che Mattia Binotto debba definire le gerarchie all’interno del team, rendendo Sainz secondo pilota in modo da poter aiutare Leclerc nella lotta al titolo.

Eddie Irvine crede che in Ferrari sia necessario stabilire delle gerarchie, in modo da facilitare la lotta al titolo per Leclerc.

Durante il periodo in Ferrari Irvine dovette affiancare Micheal Schumacher, e durante quegli anni l’irlandese dovette cedere la prima posizione al tedesco 14 volte. Nel 1999, dopo l’infortunio di Micheal Schumacher, fu Eddie Irvine ad assumere il ruolo di primo pilota ma egli perse il titolo piloti per soli 2 punti. “Se fossi in Mattia darei ordini di scuderia precisi, come ai miei tempi, visto che battere Verstappen è abbastanza complicato” ha dichiarato Irvine alla Gazzetta dello Sport. Sempre secondo l’irlandese, il divario di capacità che c’è tra i piloti Ferrari non è ampio come quello che c’è tra i piloti Red Bull, e questo potrebbe comportare non pochi problemi. Verstappen ha già dato prova di poter battere Perez, battendolo per tutto il 2021, mentre, durante la stessa stagione, Sainz ha battuto Leclerc di 5 punti e mezzo. “Questo è un problema per Charles, visto che Carlos l’ha più volte battuto, mentre Checo, in condizioni normali, non ha mai battuto Max” ha concluso Irvine.

+ posts