Ericsson: “Ferrari deve lavorare meglio se vuole battere Red Bull”

Ericsson: “Ferrari deve lavorare meglio se vuole battere Red Bull”

12 Maggio 2022 0 Di Matteo Poletti

Secondo Marcus Ericsson, la Ferrari deve lavorare sodo per fermare il momento positivo della Red Bull e di Verstappen.

Red Bull davanti a Ferrari nella performance ma dietro in classifica

3 a 2. La Red Bull lascia Miami avendo sorpassato la Ferrari nelle vittorie: tre per il team anglo-austriaco e Max Verstappen, due per il Cavallino e per Charles Leclerc. 2 a 3. La Scuderia di Maranello, tuttavia, è ancora prima in entrambi i campionati, complici i tre ritiri di Verstappen e Perez (due in Bahrain e uno a Melbourne) a fronte dei due di Sainz (Melbourne e Imola).

Nonostante a Milton Keynes si stia rincorrendo da dietro, in seconda posizione, l’impressione è quella di essere davanti alla Ferrari in termini di performance. Se a Sakhir e Melbourne, infatti, la Ferrari si era dimostrata superiore e Leclerc non aveva vinto in Arabia Saudita per un soffio, a Imola e Miami abbiamo assistito a una prova di forza da parte della Red Bull. Questo è la dimostrazione sul campo delle migliorie tecniche portate in Italia e negli Stati Uniti che sono valse alla squadra bibitara il sorpasso alla Ferrari quanto a velocità pura.

ferrari red bull

L’opinione di Ericsson

Anche Marcus Ericsson, ex pilota in Formula 1 con Catheram e Sauber, ritiene che la Red Bull si trovi in un momento di forza importante che potrebbe sovvertire entrambe le classifiche in poco tempo se la situazione rimanesse invariata.

Per due volte in questa stagione – spiega lo svedese nel podcast “F1 Nation” – Verstappen ha passato Leclerc in pista, a dimostrazione della superiore velocità della Red Bull, soprattutto in gara. Penso che la Ferrari debba lavorare per ritrovare la velocità dei primi appuntamenti.

Le due squadre rimangono comunque molto vicine, ma Max sta facendo un ottimo lavoro. Penso sia impressionante vedere come lui e la Red Bull facciano un passo avanti quando conta veramente“, conclude Ericsson, lodando le recenti performance dell’olandese. Verstappen, infatti, dopo una deludente terza posizione in qualifica a Miami, ha passato entrambe le Ferrari in otto giri per poi amministrare la corsa senza troppe difficoltà, anche quando l’uscita della safety car ha azzerato il suo vantaggio nei confronti di Leclerc.

verstappen miami 2022
+ posts