FE | E-Prix di Jakarta: Evans compie un capolavoro e vince, secondo Vergne e terzo Mortara.

FE | E-Prix di Jakarta: Evans compie un capolavoro e vince, secondo Vergne e terzo Mortara.

4 Giugno 2022 0 Di Tommaso Pelizza

Il vincitore dell’E-Prix di Jakarta è Mitch Evans, che compie una grande gara. Secondo Vergne e terzo Mortara.

La partenza

Il poleman Jean-Eric Vergne parte bene mantenendosi saldo in prima piazza, Da Costa viene subito attaccato da Evans in curva 1, ma riesce a difendersi bene e mantenere la seconda posizione.
Parte molto bene Jake Dennis, che prova ad attaccare Mortara in curva 1, ma non riesce a sorpassarlo.
La partenza è molto pulita e non c’è alcun contatto, tranne in curva 6, in cui Lotterer nel tentativo di sorpassare De Vries va a toccarsi con la Mercedes. Fortunatamente nessun danno di sorta sia per Lotterer, che per De Vries.

Primi 25 minuti

Al minuto numero 43 viene fatta uscire la safety car, a causa di Oliver Rowland che si ritira, lasciando in pista una ruota. Probabilmente un problema tecnico per il pilota inglese, che perde l’anteriore sinistra.
Proprio prima “dell’incidente” di Rowland, da segnalare un contatto tra i 2 Dragon Sette Camara e Giovinazzi, con Antonio che va in testacoda, dopo aver provato il sorpasso sul compagno di squadra in curva 1.

La ruota persa da Rowland

L’interruzione dura poco e si riparte subito, Evans si guadagna la seconda posizione sorpassando Da Costa, che con un bloccaggio va largo in uscita di curva.


Il primo ad attivare l’attack mode è Robin Frijns, che al momento dell’attivazione si trova 20°.

A 34 minuti dalla fine il leader Jean-Eric Vergne usufruisce dell’energia extra, perdendo la posizione su Evans, che però nel giro successivo effettua la stessa mossa del francese, scivolando dietro ad Edo Mortara, che anche senza attack mode, sembra comunque tenere testa al leader JEV, che dispone della potenza extra.

A 27 minuti dalla fine Mortara dispone ancora di entrambe le attack mode che i piloti possono usare in tutto l’arco della gara, e si trova ancora secondo dopo una grande difesa su Mitch Evans.
Nel giro successivo però Edo va ad attivare la prima attack mode, perdendo la posizione su Jake Dennis, che però scavalca facilmente tornando sul podio. Ora è caccia ad Evans, che si trova in seconda posizione.
Poco dopo Mitch torna leader della corsa dopo l’attivazione della seconda attack mode da parte di JEV, che riprende subito Evans e si rimette in prima piazza.

Ultimi 20 minuti

Si arriva alla seconda metà di gara, e Vandoorne sorpassa Pascal Wehrlein grazie all’energia extra, mettendosi quindi tra i primi 5.
Pascal scivola poi dietro a Jake Dennis, scalando in 7a piazza.
A 15 minuti dalla fine Mortara attiva la sua ultima attack mode a disposizione, perdendo la posizione su Da Costa, che ha terminato tutte e 2 le attack mode, ma che ha a disposizione il fanboost (un incremento di potenza che si ottiene grazie ai voti del pubblico da casa), e che usa al meglio per tenere dietro Mortara.
Nel frattempo là davanti Evans attiva la seconda attack mode, mantenendosi davanti a Da Costa e Mortara. Grande mossa per il neozelandese, che adesso avrà la possibilità di provare ad attaccare il leader Vergne.


Mortara riesce poi a rompere gli indugi su Da Costa, che va largo all’ultima curva, favorendo così il sorpasso per Edo, che si riporta sul podio.
Da segnalare anche un sorpasso di Stoffel Vandoorne sulla Avalanche di Jake Dennis, con l’alfiere della Mercedes che si porta in top 5.

Evans ora fa sul serio: è attaccato al posteriore di Vergne ed inizia a preparare l’attacco sul francese. Nel mentre che Evans prepara il sorpasso, Nyck De Vries subisce una foratura. Box e ritiro per l’olandese, vincitore della gara 2 a Berlino.

Evans rompe gli indugi, e con un attacco chirurgico sorpassa Vergne, arrivando quindi alla prima piazza. Ora Mitch deve provare a costruirsi un gap dal francese, che però non molla un centimetro rimanendo sempre molto vicino. Si profila quindi un finale davvero interessante, anche perché Mortara piano piano continua a risalire ed avvicinarsi ai primi 2.
Dietro ad Edoardo c’è battaglia tra Da Costa e Vandoorne per la quarta posizione, con il portoghese che riesce a difendersi al meglio da Stoffel, che si deve quindi accodare.
Ad un minuto dalla fine viene data una penalità di 5 secondi a Lotterer, reo di aver causato la foratura di De Vries.


Nel frattempo Vergne si è riattaccato ad Evans e prova ad insinuarsi sul Neozelandese, siamo negli ultimi 2 giri, e l’energia rimasta è pochissima, tanto che i primi 3 piloti (soprattutto Vergne) sono costretti a tantissimo lift and coast per non esaurire la batteria.

Ultimo giro

L’ultimo giro è tiratissimo; Vergne ha la possibilità di attaccare Evans, in quanto è ormai vicinissimo, ma a causa della poca energia rimasta esita, venendo anche raggiunto da Mortara, che però a sua volta ha quasi esaurito tutta la batteria.
Il finale è tiratissimo, ed i primi 3 concludono l’ultimo giro uno attaccato all’altro.

Il vincitore dell’E-Prix di Jakarta è quindi Evans, che grazie ad una grande gara arriva davanti a tutti. Secondo Vergne e terzo Edoardo Mortara, che si conferma ancora una volta dopo le battute d’arresto avute a Roma e Monaco.

Qui la classifica completa della gara.

+ posts