Mercedes spiega il perché dei dolori di Hamilton a Baku

Mercedes spiega il perché dei dolori di Hamilton a Baku

15 Giugno 2022 0 Di Daniele Donzelli

La Mercedes ha chiarito il motivo delle difficoltà fisiche di Hamilton a Baku. Lewis ha risentito molto del porpoising, a causa del setup della sua W13.

Una delle tematiche più attuali all’interno del paddock è sicuramente quella riguadante il porpoising e la sicurezza dei piloti. A Baku la situazione è stata particolarmente critica, considerando la lunghezza del rettilineo principale. Quest’ultimo, infatti, è lungo oltre 2 km, e viene percorso ad altissima velocità. La squadra che ha sofferto di più il porpoising è senza dubbio la Mercedes. Addirittura Hamilton, dopo aver descritto i suoi dolori nel corso dell’intera gara, ha fatto fatica a scendere dalla macchina a causa del dolore!

In alcune dichiarazioni riportate da racefans.net, James Vowles (capo degli ingegneri Mercedes) ha spiegato a nome della squadra i motivi di questo esagerato porpoising di cui ha sofferto Hamilton.

“Sono lieto di annunciare che Lewis è qui con noi (al lavoro in vista del Canada) questa mattina. Ho trascorso qualche ora con lui e ora sta bene. Tornerà in macchina a Montreal. È un atleta di altissimo livello che spingerà fino al limite, sia di sé stesso che della macchina, ed è ciò che fanno i piloti di Formula 1. Questo li rende eccezionali” ha esordito Vowles.

In seguito, il britannico ha spiegato che la squadra ha spinto davvero al limite massimo per dare ai piloti una buona vettura. Una situazione simile, però, non si ripeterà più, ha promesso Vowles:

“In questa occasione abbiamo spinto il pacchetto e i nostri piloti troppo oltre il limite. Li stiamo mettendo a disagio, semplicemente non possiamo rifare una cosa del genere” sono state le sue parole a riguardo.

Vowles ha poi chiarito anche un altro episodio che aveva lasciato molti a bocca aperta durante la gara, ossia un team radio in cui Lewis spiegava alla squadra che il suo sedile stava diventando troppo freddo. Solitamente, i piloti si lamentano del caldo, e inoltre la gara si è svolte con temperature piuttosto alte. Il motivo della sensazione di Hamilton è da cercare nel porpoising.

“Ho passato qualche minuto con lui con Lewis prima di chiedergli cosa è successo con la questione del freddo. Nulla è realmente cambiato nella macchina nel corso della gara. Sembra che aveva un intorpidimento alla schiena dopo aver preso tante botte alla schiena a causa del porpoising. Sembra che il freddo sia dovuto a questo problema. Non c’era nulla di gelido all’interno della sua macchina” ha spiegato l’ingegnere Mercedes.

Mercedes spiega il perché dei dolori di Hamilton a Baku

Infine, Vowles ha voluto chiarire che Russell e Hamilton non sono gli unici a soffrire di problemi a causa del porpoising.

“I nostri piloti non sono gli unici a soffrire [il porpoising]. Si possono vedere nei media un sacco di commenti da diversi piloti che sono ugualmente a disagio e che provano dolore. Noi abbiamo la responsabilità di assicurarci che tutto ciò non si ripeta” ha concluso.

Hamilton e Russell hanno parlato del tema sicurezza del porpoising assieme ai loro colleghi dopo il GP a Baku. Ora bisogna aspettare per vedere se e quali provvedimenti prenderà la FIA.

+ posts