WEC | Quanti team ai nastri di partenza del 2023!

WEC | Quanti team ai nastri di partenza del 2023!

21 Giugno 2022 0 Di Sebastiano Vanzetta

Occhi puntati sulla griglia del World Endurance Championship (WEC) per il 2023, con tanti nuovi costruttori che si uniranno a quelli già presenti.

La stagione 2022 del WEC, il World Endurance Championship, non è ancora finita. Eppure tanti occhi sono già puntati sul 2023, quando alla categoria Hypercar si uniranno nuovi costruttori che andranno a comporre una griglia da favola insieme a Toyota e Glickenhaus, con Alpine che scenderà momentaneamente in LMP2 per poi tornare con una nuova vettura nel 2024.

Nell’anno che vede i festeggiamenti per la centesima edizione della 24 Ore di Le Mans, quindi, vedremo nuove vetture approcciarsi a questo campionato. Vediamo chi debutterà in categoria andando ad affiancare e sfidare Toyota e Glickenhaus.

Ferrari

Il primo grande costruttore che debutterà nella classe Hypercar sarà Ferrari. Il marchio di Maranello, infatti, corre già nel WEC nella categoria GT con la 488 GTE, ma l’anno prossimo farà uno step in avanti ritornando nella massima categoria dell’Endurance a 50 anni dall’ultima volta, che risale alla gara di Le Mans 1973. La nuova vettura non ha ancora un nome, ma il progetto è stato denominato LMH, ovvero Le Mans Hypercar. Ferrari inoltre collaborerà con AF Corse per la gestione della squadra, che infatti entrerà nel campionato con il nome Ferrari-AF Corse.

Della nuova LMH per ora abbiamo solamente un’immagine che prelude al frontale che avrà la vettura 2023, che nelle prossime settimane scenderà in pista per cominciare lo sviluppo. Per i piloti che correranno per il Cavallino, invece, nulla è ancora deciso. Ferrari ha un gran numero di piloti esperti di gare di durata da cui attingere. Alcuni danno come nomi quasi certi quelli di Alessandro Pier Guidi e James Calado, già protagonisti con le auto di Maranello nella categoria GT. Anche Alessio Rovera e Nicklas Nielsen, che si stanno facendo le ossa in LMP2, sembrano quasi certi del loro impiego sulla nuova Hypercar, così come Antonio Fuoco. Ballottaggio, invece, per il sesto sedile tra Miguel Molina e Davide Rigon.

Non sembra esserci posto, invece, per Antonio Giovinazzi, ex pilota F1 di Alfa Romeo che in questi ultimi giorni è in orbita Haas nel caso Mick Schumacher non fosse confermato. La non concomitanza con il weekend della F1 a Baku, però, aprirebbe uno scenario suggestivo per la gara di Le Mans, che potrebbe vedere non soltanto Giovinazzi, ma anche Charles Leclerc e Carlos Sainz a comporre un trio da sogno. Pura utopia forse, ma è certo che sarebbe un colpo mediatico clamoroso per Ferrari.

Peugeot

Ai nastri di partenza del WEC 2023 ci sarà anche Peugeot con la sua rivoluzionaria 9X8 Hybrid senza alettone posteriore. I transalpini avrebbero dovuto debuttare a Le Mans già quest’anno, ma hanno deciso di attendere la 6H di Monza. Peugeot, però, affronterà dal 2023 la stagione completa.

A Monza il costruttore francese debutterà quindi con due vetture, numerate #93 e #94. Il primo equipaggio sarà composto dagli ex piloti di F1 Jean-Eric Vergne (che è anche 2 volte campione del mondo di Formula E) e Paul Di Resta, che si uniranno al campione LMP3 del 2021 Mikkel Jensen. Sulla seconda vettura siederanno invece Loic Duval, vincitore della gara di Le Mans nel 2013, Gustavo Menezes e James Rossiter. È probabile che questa resterà la lineup anche per il 2023, in attesa di conferme o colpi di scena.

Il grande escluso, se così si può dire, è Kevin Magnussen, che prima della chiamata della Haas per tornare in F1 sarebbe dovuto essere anch’egli pilota Peugeot nel WEC.

Acura

Anche Acura, marchio di proprietà di Honda e famoso per la sua presenza soprattutto negli Stati Uniti, ha confermato la sua presenza per la stagione 2023 del WEC, dove debutterà con la Hypercar Acura ARX-06.

Studiata dall’Acura Studio di Los Angeles assieme al reparto Honda Performance Development di Torrance e con il marchio di telai Oreca, la ARX-06 sarà gestita dai team Wayne Taylor Racing e Mayer Shank Racing. Non si sa ancora nulla, invece, sul lato piloti.

Porsche

Ritorno di fiamma nella massima categoria dell’Endurance per Porsche, che nel 2023 scenderà quindi in pista con un nuovo prototipo LMDh in collaborazione con il team americano Penske. Il team prenderà quindi il nome di Porsche Penske Motorsport.

Il nuovo prototipo ha già percorso più di 6.000 km di test nei circuiti di Weissach, Barcellona, Spa-Francorshamps e Aragon. Tutto ciò per capire al meglio e ottimizzare l’interazione tra il V8 biturbo e le componenti ibride, nonché le gomme Michelin. La vettura è stata testata dai tre piloti ufficiali della squadra: Frédéric Makowiecki, l’ex F1 Felipe Nasr e Dane Cameron.

In più Porsche sembra intenzionata a fornire almeno due vetture a un team clienti, anche se ancora non c’è nulla di confermato.

Cadillac

Anche Cadillac debutterà nel WEC a partire dal 2023 con il suo nuovo progetto denominato Project GTP Hypercar. Il marchio di General Motors, dunque, correrà nell’Endurance nel tentativo di rilanciare lo storico marchio americano sia nelle corse che nella produzione di serie.

La Project GTP sarà equipaggiata, da buona americana, con un 5.5 V8 che sarà poi accoppiato ad un unità elettrica. Non si sa ancora se il motore sarà aspirato oppure turbocompresso. A livello di piloti non si sa ancora nulla, anche se si può ipotizzare una promozione per gli attuali piloti Chevrolet in GT Pro (altro marchio di General Motors) Nick Tandy e Tommy Milner.

Incognita Audi e BMW

Anche Audi avrebbe dovuto ritornare nell’Endurance a partire dal 2023, con piloti confermati Nico Müller e René Rast. La casa dei quattro anelli, però, ha deciso di congelare il progetto per alcuni mesi per dirottare il budget verso la vettura da impiegare nella prossima Dakar e per un possibile ingresso in F1 a partire dal 2026. Ancora non è chiaro se il progetto ripartirà.

BMW, invece, ha confermato il suo impegno nello sviluppo di un prototipo LMDh per il campionato americano IMSA, la BMW M Hybrid V8, e pare non abbia intenzione di schierare le vetture anche nel WEC. Girano voci, però, della possibilità da parte dei tedeschi di fornire una vettura ad un team clienti, a partire dal 2024. Il Team WRT sembra infatti essere in trattativa avanzata con BMW.

Le prospettive per il 2024

Anche il 2024 pone prospettive molto interessanti per il WEC. È già stato ufficializzato il programma per un nuovo prototipo LMDh da parte di Lamborghini, che si unirà alla già nutrita schiera di costruttori. Tornerà anche Alpine con una nuova Hypercar, dopo un anno sabbatico che il team transalpino utilizzerà per testare il nuovo prototipo mentre correrà nella categoria LMP2.

Come già accennato pare che nel 2024 vedremo anche un prototipo BMW affidato ad un team clienti, mentre anche McLaren sta pensando di unirsi alla categoria, con Zak Brown che ha confermato che ci sono discussioni in corso e che la decisione verrà presa entro fine anno.

+ posts