Quando una rondine fa primavera: Schumacher si riconferma e ora guarda avanti.

Quando una rondine fa primavera: Schumacher si riconferma e ora guarda avanti.

11 Luglio 2022 0 Di corradopiogreggio

Mick guarda e impara dai più grandi, dopo le lotte in Austria con Lewis dichiara: “Non avrò più paura, in pista tutti sono umani”.


Dopo le prime 9 gare del campionato la posizione di Mick era una delle più a rischio in F1: la VF-22 si era rivelata una macchina in grado di portare punti pesanti nelle prime gare e il compagno Magnussen, rientrante in F1, era riuscito a segnare 15 punti a fronte degli 0 portati a casa dal tedesco. Con l’avanzare dei Gran Premi la crescita di Schumacher, sempre più vicino a Magnussen in gara, era stata inversamente proporzionale al calo di competitività della macchina. Schumacher è quindi arrivato a Silverstone con un pesantissimo 0 in classifica, un distacco di 15 punti dal compagno di squadra, un sedile sempre più in bilico e gli occhi di tutti gli appassionati puntati addosso.

Mick guarda e impara dai più grandi, dopo le lotte in Austria con Lewis dichiara: “non avrò più paura, in pista tutti sono umani”.


Come tutti sappiamo il tedesco ha finalmente messo a referto i suoi primi punti nel corso del weekend inglese e una volta giunti a Spielberg il dubbio era: sarà in grado di riconfermarsi?
Settimo in qualifica, a un decimo da Magnussen, nono nella Sprint Race, dopo essersi difeso per più di 10 giri dalla Mercedes di Hamilton e sesto in gara, due posizioni davanti a Magnussen. Due buoni weekend non possono giustificare il brutto avvio di stagione ma si può sicuramente dire che Schumacher ha dato seguito al buon weekend di Silverstone.

Mick guarda e impara dai più grandi, dopo le lotte in Austria con Lewis dichiara: “non avrò più paura, in pista tutti sono umani”.

Le parole di Schumacher
Mick durante le 2 gare al Red Bull Ring si è trovato più volte in lotta con Lewis Hamilton e a riguardo si è espresso nel post gara: “La cosa principale che ho imparato è che tutti sono umani e tutti commettono errori. Anche gli altri in pista sono sotto pressione e possono commettere errori, quindi, è importante per me saperlo e non devo avere paura di combattere con nessuno là fuori.”

Mick guarda e impara dai più grandi, dopo le lotte in Austria con Lewis dichiara: “non avrò più paura, in pista tutti sono umani”.


Come detto in precedenza negli ultimi appuntamenti la Haas aveva avuto un rendimento inferiore, rispetto alle prime gare della stagione. La colpa non era solo dei piloti dato che da sempre il team americano non aggiorna molto la vettura. La VF-22 riceverà infatti il suo primo, grande, aggiornamento solo a fine mese, nel weekend dell’Hungaroring.

Nonostante l’auto sia pressoché invariata dal Bahrain negli ultimi appuntamenti, a partire dalla qualifica canadese, la vettura è sembrata in crescita e a questo proposito Schumacher ha detto: “Abbiamo mostrato il potenziale che hanno le vetture, e abbiamo anche dimostrato il potenziale di noi piloti. Forse avevamo perso un po’ la strada in termini di set-up, ma poi ci siamo ritrovati mentre altri team, probabilmente, hanno lottato con i loro pacchetti.”

In conclusione, ha parlato anche del pacchetto di aggiornamenti previsto per l’Hungaroring: “Sappiamo di cosa abbiamo bisogno perché la nostra macchina sia veloce.”

+ posts