I migliori 10 momenti della stagione 2022

I migliori 10 momenti della stagione 2022

8 Dicembre 2022 0 Di Fabrizio Parascandolo

Con un 2023 sempre più vicino ci sembrava doveroso andare a rivivere i momenti più emozionanti della F1 nell’annata 2022.

Specifichiamo che questi verranno inseriti in ordine cronologico.

10: La battaglia Leclerc vs Verstappen in Bahrain

Due tra i piloti più talentuosi in griglia se non i più talentuosi in assoluto che si sfidano ruota a ruota sorpassandosi a vicenda diverse volte, cosa può chiedere di meglio un appassionato? Probabilmente nulla.

Sembrava l’inizio di una lotta al titolo punto su punto, come avvenuto nel 2021, ma alla fine così non è stato.

9: Alex Albon a punti in Australia

Il pilota thailandese porta la vettura più lenta del Circus in top 10, e questa giustificazione potrebbe già essere abbastanza.

Il tutto viene condito portando un set di gomme hard per 57 giri per poi fermarsi all’ultima occasione disponibile e chiudere la gara con un giro su gomma rossa.

La leggenda narra che l’ex pilota Red Bull stia ancora correndo con quelle C2.

8: Il podio di Norris a Imola

Sebbene provocato da un errore di Leclerc, quello di Lando all’Autodromo Enzo e Dino Ferrari è l’unico podio dell’intero anno per un team al di fuori dei top 3.

Una grandissima prestazione del 23enne inglese, una delle tante che lo hanno portato al titolo di “best of the rest” nella classifica piloti finale.

7: La vittoria di Sergio Pérez nel GP di Monaco

Anche in questo caso il risultato è stato possibile grazie a uno svarione della Ferrari, in particolare una strategia sbagliata per il pilota di casa.

Ma ciò non sminuisce assolutamente la guida impeccabile del pilota Red Bull, che portandosi a casa la vittoria diventerà il messicano più vincente nella storia della F1.

6: “Through goes Hamilton, unbelievable stuff” (GP della Gran Bretagna)

Se queste parole non vi riportano alla mente alcun ricordo allora non sapete cosa vi siate persi.

Dopo un altro errore strategico di Ferrari, Leclerc si ritrova a lottare contro Pérez e Hamilton per la 2° posizione.

Cercando di difendersi dal numero 11 finirà un po’ all’ultima chicane, forzando il messicano largo. Pérez decide di tagliare la curva successiva, spingendo a sua volta fuori il monegasco.

Ed è qui che Hamilton vede l’opportunità, grazie ad un fantastico incrocio di traiettorie, di superare ambedue gli avversari, regalandoci uno dei migliori sorpassi del 2022.

Da non dimenticare, infine, che questo Gran Premio è stato il primo vinto da Carlos Sainz e il primo concluso a punti da Mick Schumacher, altri due momenti molto speciali.

5: Leclerc vince col pedale bloccato in Austria

Dopo una gara gestita perfettamente dal 25enne di Montecarlo, a pochi giri dalla fine, quando sembrava ormai tutto fatto per la vittoria, Charles si ritrova con un problema al pedale, che rende la sua F1-75 molto difficile da guidare.

Nonostante l’immensa pressione causata dal vedere Max Verstappen avvicinarsi, Leclerc gestisce perfettamente la situazione e conquista il suo 3°, e ultimo, trionfo della stagione.

4: Il fantastico debutto di Nyck De Vries a Monza

Alex Albon è costretto a dare forfait il sabato a causa di un’appendicite. Al suo posto corre dunque il debuttante in Formula 1 Nyck De Vries, campione di F2 nel 2019.

Nyck de Vries (NLD) Williams Racing FW44 Reserve Driver. 11.09.2022. Formula 1 World Championship, Rd 16, Italian Grand Prix, Monza, Italy, Race Day. – http://www.xpbimages.com, EMail: requests@xpbimages.com © Copyright: Charniaux / XPB Images

Con una Williams più competitiva del solito disputa una gara eccellente, arrivando al traguardo in 9° posizione.

3: Max Verstappen batte il record di vittorie in una stagione, GP di città del Messico

Con una guida assolutamente da manuale, di un livello impressionante, quello a cui ci ha abituati negli ultimi anni, l’olandese vince la sua 14° gara stagionale, battendo il precedente record di 13, appartenente a Sebastian Vettel e Michael Schumacher.

Riuscirà a migliorarlo ad Abu Dhabi, vincendo la 15°.

2: La prima, storica, pole position per Kevin Magnussen e la Haas in Brasile

In una qualifica con condizioni metereologiche miste e imprevedibili il danese compie un primo giro del Q3 praticamente perfetto, portandosi in pole position provvisoria.

Nel secondo tentativo, però, George Russell si ritrova nella ghiaia, causando una bandiera rossa.

Con la sessione sospesa aumenta l’intensità delle pioggia, che non permetterà di migliorare il tempo segnato dalla Haas di Kevin Magnussen, consegnandogli un momento indimenticabile nella sua carriera.

Da citare, infine, che sarà proprio Russell a vincere sia la sprint del sabato che la gara di domenica, la sua prima vittoria in carriera.

1: L’addio di Sebastian Vettel, GP d’Abu Dhabi

Il 20 novembre, in occasione dell’ultima corsa dell’anno, saluta la Formula 1 Sebastian Vettel.

4 titoli mondiali, 53 vittorie, 57 pole position, 122 podi e tanto altro lasciato dal tedesco a questo sport.

Saluta il Circus con un piazzamento a punti, causato dal ritiro del rivale ma tanto amico Lewis Hamilton.

Purtroppo anche l’altro grande rivale, Fernando Alonso, ha dovuto dare forfait circa a metà corsa, privandoci di un momento stile 2018 con delle donuts di gruppo sul rettilineo principale.

Una scena che sarebbe rimasta sicuramente nei cuori di tanti appassionati, proprio dove ci sarà sempre un posto riservato a Sebastian Vettel.

+ posts