WRC | Rally Preview: Rally di Monte-Carlo 2023

WRC | Rally Preview: Rally di Monte-Carlo 2023

16 Gennaio 2023 0 Di Sebastiano Vanzetta

È Rally Week! Giovedì avrà inizio il 91° Rally di Monte-Carlo e la stagione 2023 del WRC. Ecco tutto quello che c’è da sapere sul primo appuntamento!

Manca pochissimo. È Rally Week e anzi, a dirla tutta, il Rally di Monte-Carlo è già cominciato, infatti nella giornata di oggi i piloti hanno iniziato le ricognizioni del percorso. Ma la vera azione comincerà giovedì sera con la prima prova speciale, quando avrà ufficialmente inizio il primo rally della stagione.

L’attesa è tanta, per vari aspetti. Il più importante è, ovviamente, l’inizio del mondiale, la curiosità di capire le forze in gioco e se Kalle Rovanperä ne avrà per stare davanti a tutti anche quest’anno. Curiosità anche per la nuova line-up M-Sport con il ritorno di Ott Tanäk e la promozione di Pierre-Louis Loubet, così come per l’approccio che avrà Esapekka Lappi che inizia una nuova avventura in Hyundai.

Ma le domande non si fermano alla classe regina, perché sarà interessante vedere anche come si configurerà da subito la lotta nel WRC-2, dove quest’anno i piloti sono più agguerriti che mai. Andiamo a vedere dunque come arrivano i team al primo rally dell’anno, le line-up, il percorso e dove poter vedere il Rally di Monte-Carlo.

Come arrivano i team a Monte-Carlo?

Toyota arriva al primo rally del 2023 sicuramente da favorita. L’anno scorso, nonostante un piccolo calo di forma nella seconda parte di stagione, i giapponesi hanno letteralmente sbaragliato la concorrenza, forti dell’immenso (pur se giovane) talento di Rovanperä e di comprimari di lusso come Elfyn Evans e Sébastien Ogier. In questi giorni di test in francia, il team di Jari-Matti Latvala, con Ogier al volante, ha provato nuove soluzioni per il 2023 come mappe motore riviste e un nuovo corpo vettura senza le vistose prese d’aria laterali dell’anno scorso. Questo grazie alla parte ibrida che riesce a scaldare meno rispetto all’anno scorso. Anche l’ala posteriore è stata rivista, e il team bianco-rosso non nasconde la voglia di debuttare per confermare le premesse che vedono una GR Yaris Rally1 ancora più veloce.

La GR Yaris Rally1 durante i test con Sébastien Ogier

Hyundai, d’altro canto, più che confermare i progressi fatti durante l’inverno ha bisogno di confermare i progressi fatti nel 2022. La bizzosa i20 N Rally1 di inizio 2022 si è man mano trasformata in un’arma potenzialmente in grado di dare un gran filo da torcere a Toyota, e ora deve confermarsi tale, se vuole vincere il primo titolo piloti. I coreani, durante la pausa, hanno lavorato molto soprattutto sulla zona anteriore della vettura, progettando un nuovo splitter più pronunciato, nonché un nuovo cofano anteriori. Rivisti anche gli specchietti così come l’ala posteriore, alla ricerca di maggiore efficienza aerodinamica.

M-Sport invece arriva da un travagliato periodo post-season dove sono cambiate tante, cose, prima su tutte la line-up, completamente rinnovata. Il team inglese punterà su Ott Tanäk e sul giovane Pierre-Louis Loubet. I due piloti hanno già testato ampiamente la Puma 2023, che sembra essere stata rivista soprattutto nella zona dello splitter anteriore. La vettura di Dovenby Hall, se vorrà dare la possibilità a Tanäk di lottare per il mondiale, dovrà rivelarsi veloce come i rivali e quindi sarà interessante capire se gli sviluppi, seppur non molti, funzioneranno bene.

La Puma Rally1 di M-Sport durante i test nei giorni scorsi

WRC-2

Attesa per il debutto nel mondiale della la nuova Skoda Fabia RS Rally2, che gestita dal team tedesco Toksport dovrà subito dimostrare di essere all’altezza delle alte premesse che si sono create attorno al nuovo gioiellino del marchio ceco. In particolare, gli alfieri di Toksport saranno il finlandese Sami Pajari, vincitore del WRC-3 lo scorso anno, e il boliviano Marco Bulacia. Sarà presente anche la seconda squadra, il Toksport WRT 2, capitanato da Oliver Solberg in livrea Monster Energy, suo sponsor, e dal russo (che corre senza bandiera) Nikolay Gryazin.

Oltre a questi quattro, una Fabia RS Rally2 sarà riservata a François Delecour, che dopo una decina d’anni torna, a 60 anni, a correre un rally del mondiale. M-Sport schiererà invece Adrien Fourmaux e Gregoire Munster, entrambi vogliosi di fare bene. Ci sarà, con una vettura WRC-2, anche il vincitore della Masters Cup dello scorso anno, Mauro Miele.

Non saranno invece della partita i piloti Toksport Emil Lindholm, campione WRC-2 dell’anno scorso, e Gus Greensmith, da poco passato nel team. Non ci sarà nemmeno Hayden Paddon, per il quale bisogna aspettare di capire quale sarà il programma WRC-2.

I numeri

Ecco un po’ di numeri per introdurre il primo rally del mondiale.

  • Numero di Partecipanti: 75
  • Numero di prove speciali: 18
  • Km da percorrere in gara: 325,02 km
  • Giorni di gara: 4
  • Ultimi 5 vincitori: Sébastien Loeb (2022), Sébastien Ogier (2021, 2019, 2018), Thierry Neuville (2020)

Line-up

WRC

Toyota schiererà, solo per questo evento, 4 vetture ufficiali, ma quella di Takamoto Katsuta non farà segnare punti nella classifica costruttori, così come Jourdan Serderidis sulla terza Puma. Rovanperä non abbandona il numero 69 per l’1.

Toyota Gazoo Racing WRT – Toyota GR Yaris Rally1 🇯🇵
Kalle Rovanperä 🇫🇮Jonne Halttunen 🇫🇮#69
Elfyn Evans 🇬🇧Scott Martin 🇬🇧#33
Sébastien Ogier 🇫🇷Vincent Landais 🇫🇷#17
Takamoto Katsuta 🇯🇵Aaron Johnston 🇮🇪#18
Hyundai Shell Mobis WRT – Hyundai i20 N Rally1 🇰🇷
Thierry Neuville 🇧🇪Martijn Wydaeghe 🇧🇪#11
Esapekka Lappi 🇫🇮Janne Ferm 🇫🇮#4
Dani Sordo 🇪🇸Cándido Carrera 🇪🇸#6
M-Sport Ford WRT – Ford Puma Rally1 🇬🇧
Ott Tänak 🇪🇪Martin Järveoja 🇪🇪#8
Pierre-Louis Loubet 🇫🇷Nicolas Gilsoul 🇧🇪#7
Jourdan Serderidis 🇬🇷Frédéric Miclotte 🇧🇪#9

WRC-2

Ecco alcune line-up del WRC-2.

Toksport WRT – Skoda Fabia RS Rally2 🇨🇿🇩🇪
Sami Pajari 🇫🇮Enni Mälkönen 🇫🇮#30
Oliver Solberg 🇸🇪 (corre privato con supporto Toksport)Elliot Edmondson 🇬🇧#23
Toksport WRT 2 – Skoda Fabia RS Rally2 🇨🇿🇩🇪
Marco Bulacia 🇧🇴Axel Coronado 🇪🇸#26
Nikolay Gryazin 🏳Konstantin Aleksandrov 🏳#24
François Delecour 🇫🇷 (corre privato con supporto Toksport)Sabrina de Castelli 🇫🇷#37
M-Sport Ford WRT – Ford Fiesta Rally2 🇬🇧
Adrien Fourmaux 🇫🇷Alexandre Coria 🇫🇷#20
Grégoire Munster 🇱🇺Louis Louka 🇧🇪#25
PH Sport – Citroën C3 Rally2 🇫🇷
Yohan Rossell 🇫🇷Arnaud Dunand 🇫🇷#21
Team Privati
Erik Cais 🇨🇿 (Skoda Fabia RS Rally2)Petr Tešinsky 🇨🇿#27
Stéphane Lefebvre 🇫🇷 (Citroën C3 Rally2)Andy Malfoy 🇫🇷#22
Christopher Ingram 🇬🇧 (Skoda Fabia Rally2 Evo)Craig Drew 🇬🇧#28
Mauro Miele 🇮🇹 (Skoda Fabia Rally2 Evo)Luca Beltrame 🇮🇹#36

L’Entry-List completa la si può trovare qui.

Il percorso

Il rally avrà base al Principato di Monaco, dove verrà allestito il Service Park, ovvero il parco assistenza, dove i team saranno presenti con i loro motorhome e le loro strutture adibite all’assistenza delle vetture.

Day 1 – Giovedì 19 Gennaio

La gara avrà inizio giovedì alle 20:05, quando scatterà la prima prova speciale che si disputerà sul tratto più famoso del Rally di Monte-Carlo, il Col de Turini. A ruota, alle 21:03, la seconda speciale di 25 km che porterà al Col de Castillon. La mattina, invece, lo shakedown di poco più di 2 km. Il totale sarà di 40,93 km.

ShakedownSainte-Agnès / Peille 2,29 km09.31
SS1La Bollène-Vésubie / Col de Turini 1 15,12 km20:05
SS2La Cabanette / Col de Castillon 24,90 km21:03

Day 2 – Venerdì 20 Gennaio

Il venerdì vedrà disputarsi 6 prove speciali su tre percorsi da ripetersi per due volte. Ci si sposta sui passi di montagna a nord di Nizza verso le Alpi Marittime per un totale di 106,18 km.

SS3Roure / Roubion / Beuil 1 18,33 km09:09
SS4Puget-Théniers / Saint Antonin 1 19,79 km10:22
SS5Briançonnet / Entrevaux 1 14,55 km11:25
SS6Roure / Roubion / Beuil 2 18,33 km14:23
SS7Puget-Théniers / Saint Antonin 2 19,79 km15:36
SS8Briançonnet / Entrevaux 2 14,55 km16:39

Day 3 – Sabato 21 Gennaio

Anche sabato si correranno 6 speciali, questa volta spostandosi ulteriormente a ovest verso il Parco delle Prealpi Azzurre e le Alpi dell’Alta Provenza, per un totale di 98,43 km.

SS9Le Fugeret / Thorame-Haute 1 16,80 km08:24
SS10Malijai / Puimichel 1 17,31 km10:05
SS11Ubraye / Entrevaux 1 21,78 km12:17
SS12Le Fugeret / Thorame-Haute 2 16,80 km14:31
SS13Malijai / Puimichel 2 17,31 km16:05
SS14Ubraye / Entrevaux 2 21,78 km18:23

Day 4 – Domenica 22 Gennaio

Le ultime 4 prove speciali si correranno la mattina della domenica, dove si tornerà verso il Principato e verso il Col de Turini, che farà da sfondo alla Power Stage. Totale 68,98 km.

SS15Lucéram / Lantosque 1 18,82 km07:57
SS16La Bollène-Vésubie / Col de Turini 2 15,12 km09:05
SS17Lucéram / Lantosque 2 18,82 km10:40
SS18 Power StageLa Bollène-Vésubie / Col de Turini 3 15,12 km12:18

Il meteo

Le condizioni metereologiche giocano sempre un ruolo importante nel Rally di Monte-Carlo, specialmente nella scelta delle gomme, per capire se montare delle gomme chiodate o meno, a seconda delle condizioni dell’asfalto che può essere asciutto, innevato o ghiacciato. Quest’anno complice il bell’inizio di gennaio, verrebbe da pensare che non ci saranno particolari problemi e che si correrà sull’asciutto. Bisognerà però fare i conti con il ciclone proveniente dalla Groenlandia che si sta spostando verso sud e che probabilmente colpirà anche il territorio francese portando le temperature sotto lo zero.

Ciò non è un dettaglio da poco, soprattutto in questo rally. Infatti, pur con cielo sereno, le temperature rigide, soprattutto in punti come la sommità del Col de Turini, creeranno non pochi grattacapi, viste le lastre di ghiaccio che possono facilmente formarsi soprattutto nei punti all’ombra del sole. Le previsioni meteo non prevedono precipitazioni piovose o nevose, ma anche qui non bisogna dare nulla per certo.

Gli pneumatici

Per quanto riguarda gli pneumatici, il fornitore unico, Pirelli, porterà ben 4 tipi di gomme al primo rally dell’anno. Ci saranno due varianti delle PZero da asciutto, Soft e Super Soft, mentre per condizioni di neve saranno presenti altri due modelli, le Sottozero STZ-B con e senza chiodi.

Rally1 e Rally monteranno gomme 235/40 da 18 pollici e saranno, per le Rally1, ripartite così: 20 Soft, 24 Super Soft, 12 da neve senza chiodi e 24 da neve con chiodi, per un totale di 80 pneumatici. Da regolamento è possibile per i piloti giocare con le combinazioni di gomme, montando diverse tipi e mescole anche differenziando asse per asse. Infatti potrebbe essere utile, in alcune prove speciali, avere i chiodi solo davanti o solo dietro, o su un lato piuttosto che un altro.

Dove vedere il Rally di Monte-Carlo

Se non siete iscritti a WRC+ Live, è possibile vedere alcune delle speciali del Rally di Monte-Carlo su Sky Sport e su NOW TV, oppure in live streaming sul sito del mondiale rally. Verranno sicuramente trasmesse la prima speciale del rally, la SS1 La Bollène-Vésubie / Col de Turini 1, e la Power Stage SS18 La Bollène-Vésubie / Col de Turini 3 che chiuderà il rally. Da programma del sito WRC.com risultano visibili in live TV anche i due passaggi sulla speciale Malijai / Puimichel di sabato (SS10 e SS13) così come il primo passaggio domenicale sul Col de Turini (SS16). Non è chiaro però se Sky e NOW trasmetteranno anche queste speciali oppure se saranno visibili solamente in streaming sul sito del WRC.

Seguici sui nostri canali social!

Sei un grande appassionato del WRC o della Formula 1? Vuoi seguire tutte le news? Bene! Seguici sui nostri canali Instagram e Telegram! Nessun costo, tutto gratis. Mi raccomando, se ritieni interessanti i nostri articoli, condividili con chi vuoi. Buon proseguimento di lettura sul nostro sito!

+ posts