Horner: “Verstappen primo obiettivo per una scuderia”

Horner: “Verstappen primo obiettivo per una scuderia”

20 Febbraio 2021 0 Di Giacomo Gagliarducci

Secondo il Team Principal RedBull una scuderia avrebbe messo gli occhi sul talentino RedBull

Christian Horner ne è abbastanza convinto: Verstappen è in cima alla “lista dei desideri” Mercedes in caso di ritiro del pluricampione del mondo Lewis Hamilton. L’inglese ha in effetti un contratto solo annuale, relativamente corto, ed il 2021 è un anno dove il sette volte campione del mondo potrebbe conquistare l’ottavo titolo in carriera e poi magari ritirarsi da imbattuto, complice anche l’avanzare dell’età.

La Mercedes si deve anche iniziare a preparare a questa evenienza e sicuramente il team gestito da Toto Wolff ha parecchie alternative, uno su tutti lo straordinario George Russel che alla guida di una Mercedes nel GP di Sahkir ha dimostrato di essere pronto per un sedile nella scuderia tedesca. Sebbene Russel, dati alla mano, sembri ovviamente la scelta più ovvia per il post-Hamilton, sullo sfondo ci sarebbe anche il talentino RedBull Max Verstappen.

L’olandese, al contrario di Russel, ha però un contratto che lo lega alla sua attuale scuderia fino al 2023. Lo stesso team principal Christian Horner ha però ammesso che il pilota ha dalla sua parte alcune clausole contrattuali che potrebbero risolvere velocemente l’accordo in caso di non competività della vettura. Horner però si dice molto fiducioso dell’evoluzione della situazione e delle relazioni costruite nel tempo fra Verstappen e la scuderia che ormai lo ospita dal 2016.

Effettivamente la RedBull è apparsa in crescita negli ultimi anni e si propone sempre più come unica alternativa al dominio Mercedes anche a causa del tonfo Ferrari. Ogni anno la scuderia austriaca diminuisce sempre più il GAP con i diretti rivali per il titolo in una lotta che ormai sembra possa protrarsi a lungo anche grazie alla scelta di autoprodurre i propri motori dal 2022; una scelta possibile grazie al congelamento delle power unit approvato fino al 2025.

Horner si è inoltre detto fiducioso dei risultati futuri della vettura ed è convinto che Max si stia accorgendo dell’impegno, anche economico, che la scuderia sta mettendo in campo per poter finalmente puntare quantomeno al campionato costruttori, un obiettivo raggiungibile anche grazie alla presenza di Sergio Perez, pilota esperto, costante e sopratutto veloce che ha dato prova di grande maturità nell’ultimo campionato.

Il team principal RedBull ha poi concluso sostenendo che gli obiettivi della scuderia e quelli di Max convergono entrambi sulla vittoria del campionato e per questo “è compito della scuderia fornire un’auto competitiva; è quello che vuole, è quello che vogliamo. Ne ha bisogno, ne abbiamo bisogno. Quindi, da questo punto di vista, siamo entrambi in una situazione identica”

+ posts