Binotto: “Non stiamo considerando il fallimento con la F1-75”

Binotto: “Non stiamo considerando il fallimento con la F1-75”

23 Febbraio 2022 0 Di Matteo Poletti

Nonostante l’obiettivo per il 2022 sia tornare alla vittoria, Mattia Binotto ha spiegato che in Ferrari non si sta sentendo la pressione e il fallimento non è considerato al momento.

Un altro step per crescere ancora

ferrari f1 2022

La Ferrari vuole e deve tornare al successo nel 2022. Gli uomini e le donne di Maranello, che non assaporano il gusto della vittoria dal lontano settembre 2019, hanno intenzione di proseguire nel proprio percorso di crescita.

Dopo un terribile 2020, che ha visto la squadra scivolare dalla seconda alla sesta posizione nella classifica costruttori e i piloti Leclerc e Vettel chiudere rispettivamente ottavo e tredicesimo, il 2021 ha portato miglioramenti tangibili. La scuderia italiana si è ripresa il podio nel campionato costruttori alle spalle di Mercedes e Red Bull, mentre Sainz e Leclerc hanno terminato in quinta e settima piazza nella classifica piloti.

Tuttavia, nella stagione che inizierà tra meno di un mese (il 20 marzo in Bahrain) bisogna compiere un ulteriore passo in avanti. I 5 podi ottenuti nel 2021 hanno sì rappresentato un miglioramento rispetto ai 3 podi della stagione precedente, ma la vittoria continua a mancare da quasi tre anni. Per non parlare del mondiale: l’ultimo titolo costruttori è datato 2008 e Raikkonen ha vinto l’ultimo campionato piloti nel 2007.

Le parole del boss

ferrari f1 2022 binotto

Gestiamo la pressione rimanendo concentrati su ciò che stiamo facendospiega Mattia Binotto. “Siamo così impegnati a progettare, sviluppare e migliorare la vettura ogni giorno da non considerare la pressione“.

Se sento la responsabilità?“, ha aggiunto il team principal della Ferrari, “Certo che la sento. È importante per la Ferrari tornare ad essere competitiva. Da tempo diciamo che il 2022 è la nostra migliore opportunità per realizzare questo e sono fiero del lavoro svolto fino ad oggi. Tutta la squadra ha lavorato in maniera seria e unita”.

Un’altra stagione senza vittorie rappresenterebbe un fallimento per la Ferrari? “Noi siamo semplicemente concentrati sul fare il nostro meglio, alzare l’asticella e iniziare la stagione nel modo migliore possibile“, ha risposto Binotto.

Sarà questo l’anno che vedrà la Ferrari tornare al top? Lo si scoprirà solo il 20 marzo in Bahrain, con la gara d’apertura del mondiale 2022.

+ posts