F3 | Feature Race Ungheria: Vince Smolyar, che ultimo giro!

F3 | Feature Race Ungheria: Vince Smolyar, che ultimo giro!

31 Luglio 2022 0 Di Tommaso Pelizza

Nella feature race della F3 trionfa Smolyar davanti a Maloney e Bearman. L’ultimo giro però è davvero pazzesco, con Correa ad O’Sullivan che con gomme d’asciutto mettono in scena una rimonta spettacolare.

La partenza e prima metà di gara

Si spengono le luci! Partono le vetture!

Parte bene il poleman Smolyar, ma occhio a Maloney, che prova ad attaccare Smolyar in curva 1 ma va largo rimanendo dietro al russo, che però viene affiancato da Bearman all’esterno e sempre Maloney all’interno, ma sono entrambi costretti ad alzare il piede per evitare il contatto e Smolyar quindi mantiene la leadership.
Partenza disastrosa per Isack Hadjar, che alla fine del primo giro si trova in 22esima posizione, brutto stacco frizione per il francese, che poi in curva 2 lungo e perde ulteriore tempo per evitare Martì, che nel frattempo ha tamponato Jonny Edgar.

Dopo 5 giri di gara Smolyar prende il largo; il distacco da Maloney infatti è di 5 secondi all’inizio della quinta tornata. Zane nel frattempo è impegnato a difendere la sua seconda posizione da un Oliver Bearman davvero scatenato, che mette pressione al pilota delle Barbados, mantenendosi sempre tra il secondo ed i 5 decimi di distacco.

Al 7° giro Leclerc ingaggia la battaglia con la Campos di Vidales, si porta all’esterno a curva 4 ma Vidales si difende bene e lo costringe ad allargare la traiettoria, Arthur si riaffianca ma deve alzare il piede per evitare di tamponarlo. Vidales va poi largo all’ultima curva e ciò permette a Leclerc di prendersi la nona posizione. Ora Arthur deve iniziare la rimonta e raggiungere Martins per non perdere troppo terreno in classifica piloti.

Nel frattempo la pista inizia ad asciugarsi, l’acqua è presente ancora in alcune parti del tracciato, ma in quantità minore rispetto alla partenza.

Al 10° giro Arthur Leclerc si prende la miglior prestazione della gara ed ora è sempre più vicino a Caio Collet. che ora è distante meno di un secondo. Il gap tra di loro rimane costante per più giri, anche se il pilota Prema sembra essere più veloce di Collet.

Seconda metà di gara

Leclerc raggiunge Caio al 13° giro, arriva al diffusore della MP del brasiliano sul rettilineo del traguardo, alla staccata della 1 il monegasco va largo, ma in uscita di curva cerca l’incrocio di traiettoria tentando il sorpasso su Collet, che però si difende bene e riesce a mantenere Arthur dietro.
Subito dietro di loro, si infuria la battaglia per la top 10 tra Stanek, Vidales ed Ushijima (che però è un po’ più lontano da Stanek e Vidales). Roman Stanek prova l’attacco su Vidales e riesce a sorpassarlo al giro 16 e si porta in decima posizione.
Giro 15/24: Correa tenta l’azzardo montando le gomme slick, il pilota ART rientra in pista in 26esima posizione dietro a Ido Cohen e Malvestiti. Assieme a Correa, anche Pizzi si ferma montando le gomme da asciutto. Juan al 18° passaggio fa segnare un crono di 49 e 290, segno che quindi le gomme slick iniziano ad essere la scelta giusta.

Leclerc passa Martins! Al 19° giro il monegasco sopravanza Martins, dopo aver sorpassato Saucy 2 giri prima, e si porta in sesta posizione. Con questo sorpasso Leclerc guadagna qualche punto in classifica su Victor, sorpasso quindi molto importante per il prosieguo della lotta al titolo.

21° giro su 24; Zak O’Sullivan fa segnare un 41 e 8, giro che è più veloce di 8 secondi rispetto a tutti gli altri che montano le gomme rain. I primi vengono anche sorpassati dai doppiati, che si trovano nelle ultime posizioni, viste le gomme da asciutto montate in precedenza.

3 giri dalla fine, si infuria la battaglia tra i 2 ART Martins e Saucy. Martins è davvero in difficoltà e viene raggiunto da Saucy, ma anche da Collet. Saucy tenta la staccata su Martins ma rimane dietro, viene attaccato da Collet in curva 2 e tocca Collet nel tentativo di difendersi, concedendo quindi un po’ di ossigeno a Martins.

Collet e Saucy al momento del contatto in curva 2
Collet e Saucy al momento del contatto in curva 2

L’ultimo giro nel segno delle gomme slick

Inizia l’ultimo giro, e Zak O’Sullivan e Correa arrivano all’arrembaggio. Dopo aver passato Stanek ed essersi portati in zona punti, attaccano tutti gli altri davanti.
O’Sullivan passa sia le ART di Martins e Saucy, che la MP di Caio Collet, portandosi poi sugli scarichi di Arthur Leclerc, che sorpassa senza troppi problemi. Zak così fa anche con Kush Maini ed ora può arrivare a Crawford.

Bandiera a scacchi! Vince Smolyar

Viene esposta la bandiera a scacchi. La vittoria è di Smolyar, in testa dal primo all’ultimo giro, arrivo in volata per Bearman e Maloney, con Zane che riesce a mantenere la sua seconda piazza per una questione di pochi millesimi.

L'arrivo in volata tra Bearman e Maloney
L’arrivo in volata tra Bearman e Maloney

O’Sullivan e Correa tagliano il traguardo rispettivamente in quarta e sesta posizione. Rimonta pazzesca dei 2, che con le gomme da asciutto mettono in scena un grande ultimo giro.
Arrivano in volata anche Collet e Martins, con Caio che riesce a prendersi l’ultima piazza disponibile per la zona punti. Martins arriva quindi 11°, ma viene poi promosso a 10° dopo una penalità di 5 secondi inflitta a Gregoire Saucy.
Ecco la classifica finale della gara:

+ posts