Alonso: “Chiedo scusa a Mick, penalità giusta”

Alonso: “Chiedo scusa a Mick, penalità giusta”

11 Ottobre 2021 1 Di Daniele Donzelli

Fernando Alonso è stato protagonista i due contatti con Gasly e Mick Schumacher nel corso dei primi giri, che hanno fortemente condizionato la sua gara.

Il sabato di Fernando Alonso è andato oltre le migliori aspettative che poteva avere l’Alpine, nonostante le buone sessioni disputate al venerdì.

Il tempo fatto segnare nel Q3 è ottimo e, oltre ad essere stato superiore ad Ocon, eliminato nel Q2, gli è valso il 6° posto.

Un’altra dimostrazione dell’ottimo lavoro fatto è che Nando si è trovato addirittura davanti a Perez, ed è scattato dalla quinta casella domenica pomeriggio per la penalità di Hamilton.

Ad aggiungere speranza di podio ad Alonso è stata la pioggia, che rappresenta sempre una chance per i team non abituati a certe zone di classifica.

La partenza è ottima, come quasi sempre per l’asturiano, ma poi arriva il contatto con Gasly a rovinare tutto.

L’Alpine numero 14 va in testacoda e rientra in fondo al gruppo.

F1 | GP Turchia - Sintesi gara: Splendido Bottas che chiude in testa.  Seguito da Verstappen e Perez

L’analisi dell’incidente con Alonso-Gasly

Nel team radio subito successivo al contatto, Fernando si lamenta della mossa del francese, definendola “stupida”. Gasly, invece, comunica ai suoi che era stato “schiacciato” da Alonso e Perez.

Dopo alcuni giri, i commissari infliggono 5 secondi di penalità a Pierre per la sua mossa a Curva 1.

Riguardando l’incidente dall’esterno, possiamo notare come effettivamente Gasly non avrebbe potuto fare altro nella situazione in cui si trovava, come dimostra questa immagine:

Gasly schiacciato

Inoltre, andando ad analizzare l’onboard del francese, è evidente come Gasly faccia del suo meglio per tenere la macchina il più possibile all’interno, senza allargare Alonso verso l’esterno.

Dobbiamo anche tenere in considerazione, oltre alla presenza di Perez all’interno dell’Alpha Tauri, la pista bagnata: non una condizione semplice, in cui i corpo a corpo sono sempre più difficili da gestire.

Tutto sommato, poteva essere classificato come incidente di gara, e forse senza penalità Gasly avrebbe anche dato fastidio a Hamilton a fine gara.

Il momento del contatto

Le parole di Gasly

Non sembra molto arrabbiato, però, l’alfiere dell’Alpha Tauri, che afferma che ha cercato di fare il possibile per evitare il contatto:

“C’è stato un contatto e ho ricevuto la penalità. Non so se fosse la cosa giusta o no, ho bisogno di dare un’occhiata al filmato prima– ha detto Gasly – Ho visto che anche Sergio era lì e ho cercato di andare dove potevo, è sempre difficile quando ci sono così tante vetture vicine”.

Il francese ha precisato che non crede che avrebbe potuto fare nulla di diverso, con così poco spazio a disposizione, ma non se la sente di criticare a priori la decisione dei commissari:

La penalità? Ad essere onesto non so davvero dove altro avrei potuto andare, ma è una decisione complicata. Non voglio essere coinvolto in nessun tipo di incidente che potrebbe rovinare la mia gara, ho solo cercato di rimanere tra Perez e Alonso. Però non avevo molto spazio”.

Immagine

Analisi del contatto con Mick Schumacher

Poco da dire, invece, sul secondo contatto, che ha visto protagonisti Alonso e Mick Schumacher, nel corso delle prime fasi.

Alonso, costretto ad una rimonta dalle ultime posizioni, esagera e nel tentativo di superare il tedesco della Haas, i due si toccano, e Mick va in testacoda.

Come possiamo vedere dall’immagine, Schumacher ha già impostato la curva, è abbondantemente davanti al suo avversario, e non c’è spazio per superare.

Nonostante questo, Alonso si butta e i due si toccano:

La penalità inflitta dai commissari ammonta a 5 secondi, che probabilmente sono la scelta più giusta, anche se considerando l’incidente al via con Gasly, anche 10 non sarebbero stati troppi.

Queste le sue parole di scusa nei confronti del giovane tedesco:

Voglio scusarmi con Schumacher per averlo colpito alla curva 4. Mi stavo approcciando al sorpasso, ma era difficile vedere tutte le auto attorno a te in condizioni di bagnato“.

I due contatti hanno indubbiamente condizionato la gara di Alonso, che poteva avere di certo un finale migliore:

Siamo stati sfortunati – ha affermato Fernando – ed è stato un peccato non aver capitalizzato la nostra eccellente posizione di partenza. Speriamo di avere più fortuna ad Austin.

Dichiarazioni tratte da formulapassion.it

Alonso e Schumacher: incidente, scuse e... scrigno dei ricordi
L’abbraccio tra i due a fine gara

+ posts